IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Andora, il 3 novembre arriva Monsieur Le Pop

Ospite Giuseppe Biselli, direttore di Cronaca Vera

Più informazioni su

Andora. Una nuova rassegna s’inserisce nel panorama culturale andorese, e si presenta in modo curioso, a iniziare dagli argomenti trattati: giornalismo, fumetti, TV, narrativa, arti figurative e sommellerie. “Monsieur Le Pop non è solo una rassegna culturale ma è anche un’esperienza sensoriale” precisano gli organizzatori, l’Hotel Galleano e il MomArt Guest House di Andora, “che rompe gli schemi classici di presentazione di autori o artisti”.

Gli incontri, oltre a prevedere intervista e dialoghi con ospiti di spicco nei diversi filoni di cui la rassegna si occupa, saranno caratterizzati dalla presenza dei sommelier della F.I.S.A.R della Delegazione di Savona, a cui sarà affidata la degustazione guidata di vini selezionati in base alle tematiche affrontate in ogni singolo appuntamento della rassegna. Il pubblico sarà accolto in spazi allestiti con esposizioni pittoriche e scultoree, all’interno delle due strutture alberghiere, e l’ingresso sarà gratuito.

Al primo appuntamento di sabato 3 novembre ospite d’onore sarà Giuseppe Biselli, direttore di Cronaca Vera, la rivista che nel 2018 festeggia cinquant’anni di ininterrotta attività e che, questa settimana, ha dedicato due pagine a questa iniziativa e ad Andora. Padrini della rassegna e curatori degli incontri sono Andrea Carlo Cappi e Andrea G. Pinketts, già collaboratori dell’amministrazione comunale andorese durante il Festival Noir di luglio.

“Monsieur Le Pop è un estroverso (come lo è Pinketts che ha scelto questo nome) che vuole esplorare la cultura popolare – spiega Andrea Carlo Cappi – intesa come cultura che è capace di parlare alla gente, che sa raggiungere un gran numero di persone senza abbassare la qualità dei prodotti. In Italia si è sempre privilegiata la cultura alta, fino a quando figure come Oreste Del Buono o Umberto Eco non hanno cominciato a considerare anche la narrativa di genere, i fumetti, la televisione e il cinema di intrattenimento. Una cosa non escludeva l’altra. Nel nostro paese non c’erano solo maestri come Visconti, Fellini o Antonioni; c’erano anche Tex e Carosello, Il Giallo Mondadori e Cronaca Vera, Totò e il cinema poliziottesco. Ma anche i romanzi sceneggiati RAI, che facevano conoscere al pubblico televisivo la grande letteratura. Era la cultura di massa nella sua forma migliore”. L’appuntamento è sabato alle ore 18.30 presso MomArt Guest House in Via Trieste 14 ad Andora.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.