IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scuola, Rossetti (PD): “Il governo sostenga la scuola mantenendo i fondi degli anni scorsi”

Depositato un ordine del giorno in Regione

Regione. “Il governo sostenga la scuola”. È questo il senso dell’ordine del giorno appena depositato dal consigliere regionale del Pd Pippo Rossetti, a fronte della manovra economica nazionale 2019/2021, all’interno della quale “si stimano tagli al comparto istruzione tra i 100 e i 150 milioni di euro”.

Nella finanziaria, scrive l’esponente del Pd “sembra che il primo a essere colpito sia lo stanziamento delle risorse per gli aumenti contrattuali (fondo perequativo degli insegnanti) e quello per il rinnovo contrattuale della dirigenza. Se così fosse gli insegnanti andrebbero a guadagnare meno dell’anno precedente. Ma non è tutto. Dalla finanziaria verrebbe colpita anche l’Università e la scure del risparmio cadrebbe persino sul fondo di finanziamento della scuola, che l’allora ministro Giannini del centrosinistra aveva portato da 110 a 230 milioni. E’ una voce del bilancio del Miur molto importante, che comprende il rifornimento di tutto il materiale che serve per la didattica e la gestione: dai fogli ai pennarelli fino alla carta igienica”. La manovra, infine, una riduzione di ore di alternanza scuola lavoro per tutti gli indirizzi di scuola superiore.

Rossetti denuncia una diminuzione dei finanziamenti anche sul fronte della formazione degli insegnanti. “Si ipotizza – dice il consigliere regionale del Pd – un taglio alla Carta Docente, che passerebbe da 500 a 400 euro per reperire risorse”. Insomma una serie di misure depressive nei confronti di un bene comune come la scuola “che tutte le forze politiche dovrebbero difendere”.

Per queste ragioni Rossetti, nel suo ordine del giorno il presidente della Giunta ligure Toti e il Consiglio a chiedere al governo “il mantenimento, come previsto negli anni scorsi, dei finanziamenti per la scuola e per l’università, consapevoli che negli altri Paesi europei si investe molto di più”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.