IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale Ligure incorona Cécile Ravanel e Sam Hill campioni del mondo fotogallery

Elliott Heap ed Ella Conolly primeggiano tra gli Under 21

Finale Ligure. La stagione Enduro World Series (EWS) 2018 finisce esattamente com’era iniziata, con Cécile Ravanel e Sam Hill campioni del mondo.

ews

Il Bluegrass FinalEnduro powered by Sram conclude la stagione con forte intensità e molto fascino come ormai da tradizione nella caratteristica Finale Ligure.

Isabeau Courdurier (Intense-Mavic Collective) vince le prime due prove speciali, ma non basta a frenare la sequenza di vittorie di Cécile Ravanel (Commencal Vallnord Enduro Racing Team) che, sulle ultime due speciali, guadagna abbastanza tempo per concludere anche questa volta in prima posizione. Courdurier si ritrova seconda e la canadese Andreane Lanthier Nadeau (Rocky Mountain Race Face Team) chiude il podio, terza.

Cécile Ravanel non ha sbagliato un colpo tutta la stagione e con questa di Finale segna otto vittorie su otto tappe del circuito mondiale, sancendo il suo terzo titolo consecutivo di campionessa Enduro World Series.

Isabeau Courdurier finisce la stagione in seconda posizione e Katy Winton (Trek Factory Racing) conferma il suo terzo posto.

Nella gara maschile Richie Rude (Yeti/Fox Shox Factory Race Team) conquista un nuovo record: è il primo uomo che vince tutte le speciali in una gara EWS. Vince in maniera convincente, seguito da Damien Oton (Unior Devinci Factory Racing) e Kevin Miquel (Sunn), che per la prima volta nella sua carriera sale sul podio in terza posizione. Martin Maes (GT Factory Racing), inizialmente uno dei favoriti, in lotta per il titolo, è costretto a ritirarsi a causa di un infortunio alla mano dovuto ad un contatto con un albero.

Il leader del circuito, Sam Hill (Chain Reaction Cycles Mavic) ha giocato in sicurezza tutta la giornata, chiudendo in nona posizione. Un risultato più che sufficiente per conquistare il titolo di campione Enduro World Series per la seconda volta. Damien Oton chiude secondo nel circuito grazie alla sua consistenza nel corso della stagione. Terzo si classifica Florian Nicolai (Canyon Factory Enduro Team).

Negli Uomini Under 21, Elliott Heap (Chain Reaction Cycles Mavic) vince la gara e il circuito. Ella Conolly fa lo stesso nelle Under 21 Donne, e finisce la stagione con un incredibile otto vittorie su otto oltre che il titolo di campionessa del mondo.

L’italiano Martino Fruet porta a casa un’incredibile vittoria di giornata nei Master Uomini, seguito da un altro italiano, che proprio a Finale ha festeggiato i 30 anni di carriera, Bruno Zanchi. Il titolo di campione EWS di categoria era però già nelle mani di Karim Amour (Miranda Racing Team) che porta il trofeo a casa per la seconda volta. Nelle Master Donne la vincitrice di giornata è Louise Pauline, ma è la neozelandese Melissa Newell la campionessa del mondo Master.

Rocky Mountain/Race Face Enduro Team sono il team migliore a Finale, mentre il Canyon Factory Enduro Team viene premiato Team World Champion in piazza Vittorio Emanuele.

Questa è la sesta volta che EWS finisce la stagione a Finale, quest’anno all’interno della grande festa dell’outdoor del Flow Festival by Vibram, che celebra in un lungo weekend la passione per gli sport all’aria aperta in un contesto paesaggistico, quello del Finalese, stimolante ed energetico.

Chris Ball, managing director dell’Enduro World Series, ha dichiarato: “Che incredibile finale di stagione. Finale è una garanzia e anche quest’anno è stata una gara fantastica. I trail, i fan, la competizione, il meteo, tutto è stato perfetto per dare vita ad un ultimo grande evento di stagione. Mi sento di ringraziare tutte le persone che hanno supportato la serie e siamo già pronti per darvi appuntamento al prossimo anno e non vediamo l’ora di tornare qui a Finale per il Trofeo nelle Nazioni 2019“.

Foto Duncan Philpott

Fotogallery Photobriano

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.