IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Arrestato con l’accusa di aver molestato una 17enne in stazione: 67enne resta in carcere

L'uomo questa mattina è stato interrogato dal gip e ha cercato di difendersi

Albenga. Ha respinto le accuse, continuando a ripetere che la ragazza ha frainteso il suo atteggiamento. Giustificazioni che però non sono servite a F.R., il sessantasettenne di Cairo Montenotte finito in manette lunedì scorso con l’accusa di aver molestato una giovane alla stazione di Albenga, per evitare il carcere. Dopo averlo interrogato, il gip Alessia Ceccardi ha infatti convalidato l’arresto ed anche la misura cautelare più severa per lui.

Secondo quanto trapelato, l’anziano, assistito dall’avvocato Manuela Patetta (oggi sostituita dal collega Pier Paolo Pera), avrebbe quindi negato di aver avuto attenzioni particolari per una diciassettenne negando con decisione di aver commesso abusi sessuali. Una versione che, evidentemente, non ha convinto il giudice.

F.R. deve rispondere dell’accusa di violenza sessuale: all’uomo viene infatti contestato di aver palpeggiato la ragazza, originaria di Asti, ma anche di averle sollevato la gonna. Gli abusi si sarebbero consumati appunto su una panchina del secondo binario della stazione di Albenga dove la vittima, originaria di Asti, aspettava il treno che l’avrebbe riportata a casa dopo aver fatto visita a un’amica.

Secondo quanto ricostruito dagli agenti della polizia ferroviaria, l’uomo avrebbe avvicinato la giovane all’interno del sottopasso della stazione. A quel punto avrebbe attaccato discorso e, sulle prime, la giovane non si sarebbe insospettita per l’atteggiamento: sembrava solo una persona in cerca di compagnia. Una volta seduti sopra una panchina, però, sarebbero iniziate le avances: la mano del 67enne si sarebbe spostata sulle gambe della diciassettenne. Lei, terrorizzata dall’atteggiamento morboso, si sarebbe subito allontanata con una scusa per precipitarsi negli uffici della polizia ferroviaria.

Una volta ascoltato il racconto della ragazza, i poliziotti avevano rintracciato il 67enne, che ha alcuni precedenti per reati contro il patrimonio e la persona, mentre tentava di nascondersi dietro a una colonna e per lui erano scattate le manette.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.