IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Derby dalle emozioni forti: Savona e Sanremo pareggiano 2 a 2 risultati fotogallery

Biancoblù a segno con Virdis e Bacigalupo; per gli ospiti due splendide punizioni vincenti e tre legni colpiti

Savona. Savona contro Unione Sanremo, l’attuale denominazione della ex Sanremese, è sempre stato in passato uno scontro molto atteso. Anche se non ha più il seguito di un tempo, non manca di destare interesse, complice un buon avvio di stagione da parte di entrambe le squadre.

Ed oggi la sfida non ha deluso le aspettative. Dopo un inizio scialbo, con una prima mezz’ora senza sussulti, ha offerto grosse emozioni agli spettatori presenti al Bacigalupo. I padroni di casa, sotto di un gol a metà partita, sono riusciti a ribaltare il risultato, ma nel finale di gara hanno subito il definitivo pareggio.

La cronaca. Alessandro Grandoni manda in campo Bellussi, Corbier, Grani, Venneri, Fenati, Garbini, Piacentini, Cambiaso, Bacigalupo, Bartolini, Virdis. Biancoblù in campo con il 4-4-2.

A disposizione ci sono Gallo, Severi, Vittiglio, Guarco, Miele, Kallon, Tognoni, Boilini, Muzzi.

Alessandro Lupo schiera l’Unione Sanremo con Manis, Giubilato, Anzaghi, Videtta, Spinosa, Molino, Taddei, Fiore, Rotulo, Scalzi, Fall. Pure gli ospiti giocano con il 4-4-2.

Le riserve sono Pirisi, Bregliano, Castaldo, Traini, La Fauci, Carletti, Gagliardi, Sadek, Pellicanò.

Arbitra Jacopo Bertini (Lucca), assistito da Ivano Agostino (Sesto San Giovanni) e Matteo Besozzi (Sondrio).

In una giornata soleggiata e calda, gli spettatori sono circa seicento. I locali sono in tenuta gialla con banda trasversale sulla maglia; divisa biancoceleste per gli ospiti.

La partita inizia con 7 minuti di ritardo, causa la necessità di chiudere un buco in una delle due reti.

Si comincia con bassi ritmi. Il primo tentativo degno di nota è del Savona, al 4°: Bartolini si procura una punizione e poi la calcia, a lato. All’11° palla Cambiaso scende sulla destra, traversone basso per Virdis: la sua girata termina fuori.

Al 13° ci provano gli ospiti con Scalzi: conclusione rasoterra dal limite, para Bellussi. Al 16° va al tiro Fall: a lato.

Il primo cartellino giallo, al 17°, è per Virdis, reo di un intervento falloso su Giubilato. Sugli sviluppi dell’azione il Sanremo guadagna il primo angolo della partita, che non dà frutti.

Le due squadre si fronteggiano principalmente a centrocampo; non riescono a creare occasioni degne di nota. Le difese hanno evidentemente la meglio, a scapito dello spettacolo.

Nel finale di tempo le due formazioni cercano qualche affondo in più. Al 32° Sanremo pericolosissimo: Molino dalla destra mette in mezzo, Bellussi smanaccia, il tocco a botta sicura di Spinosa viene ribattuto sulla linea da Fenati. Rapido cambio di fronte e va al tiro Virdis: fuori di pochi centimetri.

Al 34° è il Savona ad avere una grossa occasione: Piacentini si trova a tu per tu con Magnis, conclusione angolata ma il portiere matuziano si distende e devia in angolo. Al 36° cartellino giallo per Spinosa.

Al 38° contropiede del Sanremo: Fall lancia Molino che da ottima posizione va al tiro, Bellussi risponde e manda in angolo. Taddei mette palla in mezzo e Piacentini si rifugia ancora in corner. Sugli sviluppi il Savona resiste alla pressione biancoceleste.

L’Unione Sanremo, al 41°, sblocca il risultato. Fallo di Venneri su Fall, punizione dai venti metri. La calcia Molino direttamente in porta con uno splendido destro a girare, dove Bellussi non può arrivare: 0 a 1.

Dopo un minuto di recupero si va al riposo con i matuziani in vantaggio per 1 a 0.

Nel secondo tempo il Savona parte deciso a riscattarsi. Nel 1° minuto guadagna un corner, ma l’arbitro vede un fallo in attacco di Virdis.

Al 5° contatto in area tra Garbini e Scalzi; quest’ultimo cade a terra e viene ammonito per simulazione.

Al 9° Grandoni effettua il primo cambio: Tognoni al posto di Fenati. Al 14° un intervento di Bartolini su Fall viene giudicato da ammonizione.

Al 16° è Fiore ad allungare la lista degli ammoniti per un fallo su Piacentini.

Al 17° entra Kallon al posto di Cambiaso.

Al 21° pareggio del Savona: Kallon va via agli avversari con un’azione poderosa, mette in area dove Virdis si fa trovare pronto e mette in rete.

Immediata la reazione del Sanremo: al 23° angolo per gli ospiti, in mezzo Rotulo spara al volo: fuori di poco.

Il Savona preme e al 25° Anzaghi è costretto a mettere fuori per anticipare Virdis, in agguato.

Al 26° tra i matuziani entra Gagliardi al posto di Molino. Al 27° cross dalla sinistra, palla a Scalzi che colpisce il palo;l’azione prosegue, lo stesso Scalzi serve al centro Fall che di testa colpisce la traversa. La palla rimbalza nei pressi della linea e viene allontanata. Poco dopo conclusione pericolosa di Spinosa: Bellussi si tuffa sulla sua destra e mette in angolo. Mister Lupo protesta e viene allontanato dalla panchina.

Al 29° Guarco sostituisce Piacentini. Al 33° vengono ammoniti Bacigalupo e Videtta.

La partita, in un continuo crescendo, offre ancora emozioni: entrambe le squadre vogliono vincerla. Al 35° va al tiro Gagliardi: para Bellussi.

Al 39° Kallon, determinante e grande protagonista sin dal momento del suo ingresso, serve un ottimo assist a Bacigalupo che non si fa pregare e con un diagonale insacca. Savona in vantaggio.

Al 40° cartellino giallo per Kallon. Al 41° entra Cartelli al posto di Giubilato.

Al 42° il Sanremo ristabilisce la parità: punizione calciata da Scalzi che, con una parabola perfetta, realizza il 2 a 2.

Al 43° dentro Miele per Bacigalupo tra i locali e Bregliano per Scalzi tra gli ospiti.

Le emozioni proseguono fino alla fine: al 45° incornata di Fall e palla sulla traversa.

L’arbitro assegna cinque minuti di recupero. Al 48° entra Vittiglio per Bartolini. Finisce 2 a 2.

Il Savona per la prima volta in questa stagione, tra Coppa Italia e campionato, non centra i 3 punti. Per i biancoblù, fatta eccezione per il pizzico di rammarico per non aver gestito un vantaggio maturato a pochi minuti dal termine, può dirsi un risultato soddisfacente, dato che a recriminare sono in particolare gli ospiti per i tre legni colpiti.

Domenica 7 ottobre il Savona sarà ospite dello Stresa, squadra che dovrà lottare per non retrocedere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.