IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Prodotti in Liguria, così Coop valorizza i produttori locali

Dal 10 al 23 settembre focus sulle produzioni regionali e dei territori limitrofi in tutta la rete di Coop Liguria, con sconto del 20% su circa 1.300 articoli

Liguria. A settembre, per due settimane, i punti vendita di Coop Liguria ospiteranno un’iniziativa che è al tempo stesso promozionale e valoriale: tutti i prodotti realizzati da imprese liguri o dei territori immediatamente limitrofi (Lunigiana, Ovadese, Novese, Monregalese) saranno proposti con uno sconto del 20 per cento.

L’iniziativa si intitola “Prodotti in Liguria. Il buono del nostro territorio” ed è realizzata assieme a 120 imprese locali, con le quali Coop Liguria lavora da moltissimi anni, dando vita a una collaborazione virtuosa che porta ricchezza e buona occupazione sul nostro territorio.

Solo nel 2017, gli acquisti effettuati presso imprese liguri da Coop Consorzio Nord Ovest, per conto di Coop Liguria, Coop Lombardia e Nova Coop, hanno pesato sull’economia regionale per 43 milioni di euro. E a questi si sommano gli acquisti effettuati in Liguria da Coop Italia (i 12 fornitori liguri di prodotto a marchio Coop nel 2017 hanno fatturato 40 milioni di euro) e dalle altre cooperative del sistema Coop.

Per raggiungere questi risultati è necessario costruire con i produttori un rapporto di fiducia e di rispetto reciproco, che ha come caposaldo la giusta remunerazione dei prodotti. Le imprese che ricercano la qualità, scelgono le migliori materie prime, operano nel rispetto dell’ambiente e pagano adeguatamente il personale devono ricavare dal proprio lavoro quanto serve per continuare a operare con questi standard di eccellenza. Coop Liguria lo sa e attribuisce il giusto valore ai loro prodotti. Anzi, attraverso gli incontri, le degustazioni e le visite guidate agli stabilimenti che organizza nell’ambito delle proprie attività sociali aiuta anche i Soci e i consumatori a comprendere quanto lavoro ci sia dietro ai prodotti di qualità.

“La missione di Coop Liguria – conferma il presidente Francesco Berardini – è promuovere il potere d’acquisto e il benessere dei Soci e dei consumatori. La collaborazione con le imprese locali, che trovano ampio spazio sui nostri scaffali e possono contare da sempre sul nostro supporto e su quello di tutto il sistema Coop, rafforza questa missione, perché promuove un consumo di qualità e fa crescere l’economia del territorio. Un obiettivo che in questo momento di così grande difficoltà per tutta la nostra regione va perseguito con ancora più determinazione”.

Parallelamente alla promozione, la Cooperativa distribuirà in circa 700 mila copie un volantino che racconta le imprese coinvolte, la loro storia e il loro legame con il territorio. Nelle due settimane dell’iniziativa, dal 10 al 23 settembre, in molti punti vendita saranno organizzate decine di degustazioni a cura dei produttori, che potranno anche distribuire nei negozi Coop materiale informativo sulla propria attività.

A Savona, le imprese che venerdì 14 e sabato 15 settembre e venerdì 21 e sabato 22 settembre faranno degustare o esporranno i propri prodotti all’Ipercoop Il Gabbiano sono: Minuto Caffè, presente anche con un’auto d’epoca in esposizione; Icat Food; Bonaldo; Raineri; Latte Alberti; Trucco; Acqua Lurisia; Occelli; Tossini; Albino Chiesa; Pastificio Plin; Caseificio Val d’Aveto; Frascheri; Zanini. Alcuni di questi produttori saranno presenti nelle stesse date anche all’Ipercoop di Albenga, dove in più si potranno degustare i vini delle Donne della Torre e il cioccolato Novi. Sabato 22 settembre, infine, sarà proposta la seconda edizione della gara di pesto al mortaio promossa dall’Ipercoop di Savona.

“Prodotti in Liguria” non è solo un’iniziativa commerciale, ma una vera e propria campagna di comunicazione, che da un lato vuole offrire ai produttori locali una vetrina per raccontarsi, dall’altro si rivolge ai consumatori, affinché comprendano che la grande distribuzione, se lavora responsabilmente, può essere la prima alleata delle produzioni di qualità.

“Il nostro modo di operare nei confronti dei fornitori – spiega Berardini – mette al centro la qualità e la sicurezza dei prodotti. Questo significa severità nel pretendere il rispetto di determinati standard, accompagnata però dalla disponibilità a offrire sostegno e competenze, specie alle imprese più piccole che spesso, proprio grazie a Coop, riescono a crescere in misura importante. Questa relazione di fiducia che Coop instaura sia con i fornitori di prodotto a marchio sia con i produttori locali, genera risultati significativi non solo, come vediamo dai numeri, su un piano strettamente economico, ma anche e soprattutto in tema di salvaguardia della qualità e dell’eticità delle produzioni. Un esempio è il progetto ‘Buoni e giusti’ con il quale abbiamo coinvolto oltre 800 fornitori di ortofrutta Coop, in rappresentanza di più di 70 mila aziende agricole italiane, nella sigla di un codice etico che esclude il caporalato e prevede verifiche in campo da parte di enti di certificazione esterni”.

“Un altro esempio è ‘Alleviamo la salute’, l’iniziativa con la quale abbiamo convinto i nostri allevatori a non somministrare farmaci agli animali, a meno che non sia assolutamente indispensabile, per contrastare il preoccupante fenomeno della resistenza agli antibiotici nell’uomo. Coinvolto e convinto non sono termini usati a caso: se i nostri fornitori ci hanno seguito in queste iniziative è perché da decenni ci riconoscono come un partner serio e affidabile. Ed è proprio questo il ruolo che vogliamo svolgere nei confronti dei produttori. Come impresa della grande distribuzione abbiamo la forza e i numeri per contribuire a orientare le scelte produttive e di consumo e come Cooperativa di consumatori abbiamo un forte radicamento valoriale che ci spinge a esercitare questa influenza in maniera responsabile”.

“Si tratta di un impegno fondamentale tanto a livello nazionale quanto (se non di più) a livello locale, che si traduce nella scelta di lavorare ‘per’ e ‘con’ i produttori per perseguire obiettivi comuni: offrire a chi acquista prodotti di eccellenza, che abbiano alle spalle aziende solide e trasparenti, intenzionate a produrre nel rispetto dei lavoratori e dell’ambiente, per generare positive ricadute economiche e sociali per il proprio territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.