IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ponte Morandi, Pasa (Cgil): “Il Decreto Genova mette in difficoltà anche il ponente ligure”

"È necessario che la Regione molli il freno a mano, si 'costituisca' parte attiva in tutti i percorsi che vedono i sindacati e i lavoratori da troppo tempo soli"

Provincia. “Questo decreto non mette in difficoltà solo la città di Genova ma tutto il ponente ligure”. Così il segretario provinciale di Cgil Savona, Andrea Pasa, commenta i contenuti del Decreto Genova reso noto ieri dal Governo.

Aggiunge Pasa: “In primis l’economia del nostro territorio, che subirà nei prossimi mesi un colpo drammatico in tutti i settori. È necessario ‘accelerare’ e non ‘temporeggiare’ con le due grandi opportunità che abbiamo: l’accordo di programma grazie al quale arriveranno oltre 50 milioni di finanziamenti pubblici e la costruzione e la messa in opera della piattaforma di Vado Ligure (unica infrastruttura a mare che oggi si sta costruendo nel nostro Paese). Il risultato dipenderà da tutti i soggetti coinvolti da queste decisioni, Regione e Governo in testa”.

“Il ‘dopo’ ponte Morandi deve essere un problema di tutta la Liguria, di tutto il nord ovest del paese, e come tale deve essere gestito. La Regione Liguria non dimentichi il ponente ligure, non dimentichi le tante crisi locali che ancora sono in atto, da Bombardier a Piaggio, da Mondomarine a Italiana Coke, da Ata a Tpl, dalla sanità alla scuola”.

“È necessario che la Regione Liguria molli il freno a mano, si ‘costituisca’ parte attiva in tutti i percorsi che vedono i sindacati e i lavoratori da troppo tempo soli. Non è più ammissibile che ai tavoli ministeriali non ci sia la presenza di assessori regionali o del presidente. Contrariamente le responsabilità saranno sotto gli occhi di tutti”, conclude Pasa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.