IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Entella e Hellas Verona sorridono al “Fiore del Baldo 2018” foto

Lo speciale Settore Giovanile del ct Vaniglia

Dal cuore del Trentino un’altra perla sull’onda lunga del Beppe Viola. Dedicato agli Esordienti Misti (2006 – 2007 e 2008 che avessero compiuto il decimo anno di età) questo 12° Torneo Nazionale ha chiuso i battenti con uno straordinario successo sportivo, gestionale e tecnico.

Sono state per la prima volta ben dodici le squadre a sfidarsi in 42 gare spettacolari ed apertissime sulle traccie dei campioni del passato in un’atmosfera di gioco, amicizia e divertimento. Questa in sintesi la natura e la valenza di un evento nato per attrarre le aspettative di quanti amano il settore giovanile e per onorare la prestigiosa storia dei ritiri calcistici sull’Altopiano di Brentonico, un luogo di pace e relax  che ha ospitato negli anni la preparazione estiva di squadre professionistiche quali Mantova, Inter, Hellas Verona, Milan, Piacenza, Atalanta, Chievo Verona e Virtus Entella.

Il green perfetto del centro sportivo “Santa Caterina” di Brentonico, nel cuore del Parco Naturale Locale del Monte Baldo, ha degnamente ospitato ( anche grazie all’impiego del nuovissimo campo in sintetico adiacente come ambito per l’ideale riscaldamento pre match) quattro entusiasmanti giornate interamente dedicate al talento. Oltre alle compagini locali (Mori Santo Stefano, Monte Baldo e Rovereto), sono arrivate a dar lustro all’evento anche Atalanta Bergamasca, Hellas Verona, Nitor Brindisi, Spal, Virtus Entella, Junior Taranto Calcio, Nuova Tarras, Ranica Calcio e Pistoiese, per un totale di 5 professioniste (record assoluto) e 7 dilettanti (si fa per dire vista la competitività dimostrata).

Le finali della kermesse brentegana non si sono disputate domenica 2 settembre causa maltempo, una decisione che ha trovato univoco consenso perchè assunta dal comitato organizzatore di cui faceva parte il Dott. Felicino Vaniglia ( Coni- Figc – Libertas) e la giovanissima collaboratrice Sara Carpi, a tutela della salute e del benessere delle giovani leve impegnate.Mai così ricca la premiazione che si è svolta alla presenza del sindaco Christian Perenzoni (e di parte della sua giunta), di Monica Duò figlia di Eliodoro (Bepi) a cui era intitolato il VI° Memorial e della presidentessa del team di casa Daniela Aiardi.

La classifica conclusiva ha scandito per ex aequo i seguenti piazzamenti :11° posto (Acd Montebaldo e Junior Taranto Calcio, quest’ultima squadra più giovane tra le 12 partecipanti); 9° Asd Mori S.Stefano – Ranica Calcio); 7° ( Pistoiese – Fc Rovereto); 5° (Atalanta – Nuova Tarras); 3°  (S.P.A.L. – Nitor Brindisi); 1° (Virtus Entella allenatore Lorenzo Macchiavello – Hellas Verona allenatore Francesco Tramarin) e solo le rispettive coppe sono state assegnate previo sorteggio. Tra i protagonisti vincitori degli ambiti premi speciali messi in palio vanno ricordati :

Miglior Giocatore               De Rossi Michele (Hellas Verona)
Giocatore più tecnico        Riccelli Ludovico  (Virtus Entella)
Miglior portiere                  Boretti Gabriele    (Pistoiese)
Capocannoniere               Tesini Thomas       (Mori S.Stefano)
Miglior difensore               Di Giosia Matteo   (Virtus Entella)
Giocatore più combattivo  Cecchinato Leroy  (SPAL)
Match Winner Player         Predomi Giacomo  (Hellas Verona)
Giocatore più giovane        Sergio Gabriele     (Junior Taranto)
Stellina futura promessa     Sorace Alessio      (Junior Taranto)
A rendere ancor più prestigiosa questa edizione oltre alla presenza di osservatori qualificati (citiamo per tutti Nicholas Morgese talent scout emergente) e di addetti ai lavori di fama,è stato un tandem di vecchie glorie d’eccezione quali Marino Magrin (mezz’ala di Atalanta, Juventus e Verona, classe 1959, ora maestro di calcio nella sua academy) e Sergio Rossetti (classe 1944, nove stagione nel Genoa, allenatore delle giovanili rossoblù, di quelle dell’Alessandria e ora di quelle chiavaresi, che negli anni d’oro ebbe la fortuna di incrociare sul terreno di gioco i fuoriclasse Pelè ed Eusebio).
Non resta che dare un appuntamento al prossimo anno nell’edizione che dovrebbe vedere l’allargamento a 16 iscritte, l’impiego del neo sintetico a 11 e la copertura del terrazzamento con annessa foresteria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.