IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - Rosso Pistacchio

Lady Moon (seconda parte)

"Rosso Pistacchio" è la rubrica al femminile di IVG: ogni martedì si parla di donne con Marzia Pistacchio

Più informazioni su

“Rosso Pistacchio” è la rubrica di Marzia, che ama definirsi “una truccatrice struccata”. Uno spazio al femminile dal taglio volutamente “leggero” in cui parlare a 360 gradi di tutto ciò che ruota intorno alle donne. In salsa savonese, naturalmente.

A Selene Panizzi il sesso piaceva.
Le piaceva senza ombra di dubbio e le era sempre piaciuto.
Se ne era accorto il povero padre che la aveva sorpresa a 14 anni con le mani nel cesto del fornaio. Se ne era accorta la madre, che implorava l’ostetrica del quartiere di venderle delle lavande purificanti per quella figlia impura e un po’ zoccola (“ha preso tutto da mia suocera” diceva la poverina).
Se ne era accorto il prete, chiamato in causa dai genitori affranti, il quale aveva cercato di resistere il più possibile, ma era poi finito a ululare il Credo con le braghe calate nel confessionale. Se ne erano accorti il medico, il farmacista, l’avvocato, e si mormora se ne fosse accorto più e più volte, e molto in profondità, pure il sindaco.

Venne quindi quasi naturale, a Selene, di fare la puttana. E lo faceva come una missione, con una serietà estrema e maniacale.
Le amiche e coetanee cucivano le iniziali sui grembiuli del collegio, e Selene si imbottiva i reggipetti con la lana leggera.
Le vicine di casa ricamavano lenzuola candide per il corredo nuziale, e Selene si accorciava le gonne.
Le cugine si sposavano e facevano figli, e Selene si comprava una piccola seicento per andare a lavorare al Lady Moon.

E che poi, a pensarci bene, la Selene Panizzi non era neanche tutta sta bellezza: spigolosa e asimmetrica come un rapace sghimbescio, portava una lunga treccia ondeggiante sul sedere un po’ basso, e il seno sempre sul punto di esplodere dentro la camicetta troppo stretta e troppo poco pulita.

Eppure piaceva.
Saranno stati quel paio di occhi gonfi di innocenza azzurra, sarà stato quel neo malizioso sotto il labbro, oppure la risata che ricordava un imminente orgasmo, la Selene Panizzi, puttana professionista piaceva assai, ed era la più richiesta tra le entreneuse del Lady Moon.

Luna Scicolone, la proprietaria, ogni tanto la rimproverava su alcune sciocchezze: le chiedeva di essere meno rozza, di dire meno parolacce, di essere meno esplicita, ma Selene Panizzi riteneva di fare esattamente tutto ciò che una puttana perfetta avrebbe dovuto fare, e che se mai fosse esistito il manuale della giovane meretrice, lei sarebbe stato l’esempio da seguire, e che quindi quella vecchia megera invidiosa non aveva che da affogare nel proprio insulso bicchierino di amaro Strega.

La notte in cui Luna Scicolone e Selene Panizzi si guardarono un istante di più negli occhi, il mare ringhiava affamato e sbavante verso i vetri del Lady Moon…

CONTINUA…

“Rosso Pistacchio” è la rubrica al femminile di IVG, ogni martedì a cura di Marzia Pistacchio: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.