IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Estate da record per lo “Scaletto senza Scalini”: 3.500 presenze per la spiaggia attrezzata savonese foto

Il bilancio della spiaggia per disabili nel quartiere delle Fornaci

Savona. Per il secondo anno consecutivo lo “Scaletto senza scalini” – spiaggia attrezzata per l’accesso al mare assistito delle persone disabili del quartiere Fornaci di Savona – è rimasto aperto per tre mesi, dal 9 giugno al 9 settembre scorsi. La conferma di questo importante risultato, da sempre obiettivo primario della Cooperativa Laltromare, è merito del coinvolgimento di AISLA – l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica Onlus, presente in tutta Italia da 35 anni con 63 rappresentanze territoriali ed oltre 2.000 soci – che ha confermato il contributo necessario alla copertura dei costi per il mese aggiuntivo di apertura, diventando così “lo sponsor” più importante dello Scaletto, affiancandosi al Comune di Savona, alla Fondazione Demari, alla Fundacion Parodi e all’Associazione “Chicchi di Riso”.

Come testimonia anche il supporto ricevuto tramite il progetto “Operazione Sollievo”, nato per sostenere la qualità della vita delle persone con Sla e delle loro famiglie mediante un aiuto economico, è così proseguita la forte sinergia fra la Cooperativa e l’AISLA a testimonianza di come sia possibile sviluppare un modello sostenibile e funzionale di cooperazione sociale capace di trasformare una spiaggia pubblica in un luogo di socializzazione e di utilizzo da parte di persone disabili oltre che valorizzare ulteriormente il territorio con un turismo intelligente e non discriminatorio.

“I numeri testimoniano il grande successo della stagione estiva appena conclusa – affermano dalla cooperativa -. Al nono anno di attività, per la prima volta è stata superata la soglia dei 400 utenti: sono stati infatti 426 le persone disabili che hanno frequentato la spiaggia di cui ben 231 quelli che per la prima volta hanno raggiunto lo Scaletto per trascorrere almeno un giorno in spiaggia. Altro record: le presenze che sono state 3537, quasi dieci volte tanto rispetto alle 375 del 2010; quelle degli ultimi due anni superano quota 6500 e conteggiando quelle totali dall’inizio dell’attività si arriva a ben 17.720”.

“Scendendo nel dettaglio, nel 2018 in due occasioni i disabili contemporaneamente presenti in spiaggia sono stati oltre 70 (il numero più alto è stato raggiunto il 17 luglio con 77!); sette giorni oltre 60, 15 volte oltre 50 e per 20 giorni abbiamo ospitato più di 40 utenti; a parte le giornate con condizioni meteo sfavorevoli, mai meno di 20/25 disabili erano presenti in spiaggia”.

“Particolarmente importante è stata la collaborazione con molte associazioni sia del territorio che di altre regioni che hanno scelto lo “Scaletto” per le escursioni al mare dei loro assistiti. Anche qui un record: il Gruppo Abele di Torino ha portato al mare ben 23 giovani (e 20 accompagnatori) il 17 luglio. Senza dimenticare le altre Associazioni o Enti che settimanalmente hanno portato in riva al mare utenti di tutte le età e con disabilità diverse: parecchi sono tornati più volte”.

“Da segnalare che un disabile di origine moldava, venuto a trovare degli amici in Italia, li ha invitati ad accompagnarlo allo Scaletto essendo perfettamente informato della struttura e, addirittura, degli orari per la balneazione assistita grazie alle informazioni costantemente aggiornate trovate sui nostri siti. Fortunatamente, è stato necessario soltanto un intervento di salvataggio da parte dei bagnini”.

E la cooperativa aggiunge: “Come gli anni passati la balneazione assistita agli utenti disabili è stata garantita per 8 ore: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 tutti i giorni, con la presenza di 4 bagnini e 2 operatori specializzati in turni di 6 ore, in modo da garantire l’assistenza sia agli utenti disabili che agli altri bagnanti. La Cooperativa dà lavoro – solo allo Scaletto – a 12 persone di cui, come da Statuto, oltre il 33% fa parte dell’inserimento lavorativo speciale di persone in area protetta (leggi 68 e 104)”.

“Grazie al lavoro volontario di alcuni soci della Cooperativa ed all’autorizzazione ottenuta da Port Authority è stato possibile anche imbiancare le pareti delle vecchie “baracche” dei pescatori, così da rendere più accogliente questa particolarissima piazzetta, vero centro del quartiere delle Fornaci”.

“In questo secondo anno di utilizzo è stata ulteriormente perfezionata la gestione informatizzata delle schede anagrafiche e di presenza degli utenti, indispensabile alla rendicontazione in ambito istituzionale e nei riguardi dei nostri sostenitori”.

“Il prossimo anno lo “Scaletto senza Scalini” festeggerà il decennale: un traguardo importante per cui si inizierà a lavorare già il prossimo mese di ottobre per trovare le risorse che permetteranno di migliorare ulteriormente i servizi e la durata della stagione balneare”.

“L’obiettivo è quello di ampliare a quattro mesi l’attività. Un obiettivo non semplice, ma neppure impossibile considerando la costante crescita finora già riscontrata, anno dopo anno. Il 2019 dovrà quindi essere quello di un ulteriore “step” da salire: il progetto è ambizioso ma si cercherà con tutte le risorse a disposizione di realizzarlo” conclude la cooperativa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.