IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Decreto Milleproroghe, il Pd: “Salviamo il Bando Periferie, a rischio 93 milioni di investimenti per la Liguria”

Per quanto riguarda il savonese, sarebbero “a rischio” i fondi per la riqualificazione del quartiere periferico del fronte mare di ponente della città di Savona

Liguria. “Salvare il Bando Periferie”. È questo l’obiettivo dell’azione del Pd rispetto al Decreto Milleproroghe. “Il documento della maggioranza giallo-verde – spiegano i consiglieri regionali del Pd ed anche i parlamentari Dem – mette seriamente a repentaglio gran parte del miliardo e 600 mila euro stanziati dai governi di centrosinistra, per finanziare interventi e opere a favore delle periferie italiane, cuore del Piano Periferie. Nello specifico, per la Liguria, su 111 milioni complessivi assegnati, a causa del Decreto Milleproroghe si perderebbero ben 93 milioni, di cui circa 40 sul territorio della Città Metropolitana, 18 sul Comune di Savona, altri 18 a Imperia e 17 alla Spezia”.

Per quanto riguarda il savonese, sarebbero “a rischio” i fondi per la riqualificazione del quartiere periferico del fronte mare di ponente della città di Savona, un progetto del valore complessivo di 46 milioni e 661 mila euro (dei quali circa 18 richiesti tramite bando e circa 28 mila e 663 di cofinanziamento tra pubblico e privato).

Dicono ancora dal Pd: “Si tratta di interventi che riguardano la riqualificazione di aree degradate e di edifici di valore storico, la ristrutturazione di immobili o aree di proprietà e uso pubblico, la realizzazione di piste ciclabili, la ristrutturazione di scuole e il loro adeguamento alla normativa sismica, mitigazioni del rischio idrogeologico, sistemazioni idrauliche e ristrutturazioni stradali. Per la Liguria sospendere l’attuazione di almeno 93 milioni del Bando Periferie per due anni significa vanificare l’impatto di qualcosa come cinque annualità del fondo strategico regionale infrastrutture, in una fase ancora di stagnazione economica per la nostra regione”.

“Se consideriamo che ai 93 milioni si aggiungono altri 78 milioni di fondi pubblici e privati locali, per un totale complessivo di 171 milioni, gli effetti diretti e indiretti, l’indotto (secondo i parametri Ance) l’investimento complessivo genererebbe una ricaduta sul sistema economico ligure di circa 500 milioni, sostenendo in particolare il comparto dell’edilizia che, anche in termini occupazionali, potrebbe produrre, per tutta la durata prevista degli investimenti, un incremento di 2500 unità lavorative”.

“Domani il gruppo del Pd in Regione presenterà in consiglio un ordine del giorno, che ricalca integralmente l’analogo odg votato all’unanimità nel consiglio della Città Metropolitana ad agosto, in cui si chiede l’impegno della giunta ligure ad intervenire su governo e parlamento, rivedere l’emendamento inserito nel Milleproroghe e a mantenere gli investimenti del Bando Periferie previsti per i Comuni liguri. A lanciare l’allarme, sin da subito e anche nei giorni scorsi, è stata l’Anci, che attraverso il presidente nazionale Antonio Decaro aveva parlato di ‘furto con destrezza’ a danno dei Comuni italiani”.

Alla conferenza stampa hanno partecipato una delegazione di parlamentari del Pd, sindaci, consiglieri comunali e regionali del Partito Democratico delle varie amministrazioni liguri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.