IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le associazioni di IVG.it - ARCI Savona

Informazione Pubblicitaria

Da stasera al NuovoFilmStudio di Savona: Il maestro di violino (The violin teacher)

Più informazioni su

NuovoFilmStudio/Officine Solimano/Piano terreno
Piazza Rebagliati, Savona
Circolo ARCI

Il maestro di violino (The violin teacher) di Sérgio Machado, con Lázaro Ramos, Kaique de Jesus, Elzio Vieira – Brasile 2015, 102′

ven 7 settembre (18.00)
sab 8 settembre (15.30 – 20.30)
dom 9 settembre (17.30 – 22.30)
lun 10 settembre (20.30)

Il violinista Laerte si sta preparando da molti anni per entrare nel prestigioso ensamble di OSESP, l’orchestra sinfonica più importante dell’America latina. All’audizione la tensione e il nervosismo lo bloccano, impedendogli di suonare. Rimasto senza soldi e senza alternative, Laerte si trova costretto a insegnare musica in una scuola pubblica di Heliopolis, la più grande e violenta favela di San Paolo. Gli strumenti sono in cattivo stato e l’ambiente è ostile, ma spicca il talento speciale di due ragazzi…
Un’audizione fallita. Troppa tensione, troppo talento da dimostrare. Basta poco, un breve istante e il sogno di una vita va in frantumi. Laerte, interpretato da Lázaro Ramos, deve far i conti con il bruciante fallimento e con il rimettersi in gioco. Parte da qui “Il maestro di violino” di Sérgio Machado, ma come spesso accade proprio dalle rovine può nascere qualcosa di positivo. Il film pone al suo centro le storie vere di molti studenti dell’Istituto Baccarelli di San Paolo, uno dei progetti di inclusione sociale di maggior successo nel paese, che si occupa di salvare i ragazzi dalla strada. All’inizio per il protagonista, che ha fatto della musica motivo di vita, insegnare in un luogo in cui gli strumenti non sono all’altezza e l’ambiente è ostile è semplice sopravvivenza. A poco a poco però questa diventa per lui una sorta di missione. La sua classe grazie a quegli strumenti inizia a capire che l’arte è terapeutica. Laerte stringe un rapporto di complicità con i suoi studenti, grazie ai suoi metodi anticonvenzionali: i ragazzi capiscono che c’è qualcosa per cui vale la pena di vivere e lui ritrova il piacere di suonare. In un paese diviso dall’estremo divario sociale, dilaniato dalla guerriglia tra gli abitanti delle favelas e la polizia, il progetto di inclusione sociale dell’Istituto Baccarelli è un potente agente di trasformazione della società, che consente, proprio attraverso la musica, di dare ascolto a tutti. Lo stesso Laerte imparerà a prestare maggiore ascolto a se stesso, al potere che la sua musica ha all’interno di quel microcosmo, e capirà cosa è veramente importante e cosa lo rende davvero risolto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.