IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Campagna Amica”: i turisti stranieri nelle vigne di Ranzo per la merenda a km zero

Le aziende Coldiretti a fianco degli operatori turistici per promuovere i territori e le loro eccellenze

Più informazioni su

Imperia. Gioco di squadra tra le aziende dell’entroterra e quelle della costa ligure che hanno promosso la filosofia del “Km Zero” con art-food-wine tra i filari di Pigato della Valle Arroscia, un’iniziativa che prosegue l’esperienza del primo Team Building In Vigna, evento che ha mostrato come anche in Liguria la vendemmia possa diventare un allettante prodotto turistico.

L’evento organizzato da Franco Laureri, responsabile del Centro Studi sul Turismo dell’Alberghiero di Alassio, in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier, le cantine Massimo Alessandri, il punto vendita di Campagna Amica dell’azienda agricola Le Roveri di Alassio, il Panificio Cacciò di Gavenola, l’agriturismo La Fattoria di Costa Bacelega – Ranzo, ha portato tra i filari di Pigato nella frazione Bonfigliara di Ranzo, turisti provenienti da tutta Europa attratti dalle tradizioni e dall’enogastronomia locale.

L’esperienza in vigna, coordinata da Franco Laureri, Maria Elisabetta Corradi, Monica Barbera, Stefano Pezzini, Patrizia Durante, Agnese Vinai e dai soci Coldiretti Sandra Plando, Marisa Plando, Carla Simondo e Massimo Alessandri ha visto un susseguirsi di prove di abilità: dalle salse al mortaio alla sommellerie, dall’acquarello alla merenda a km zero, il tutto condiviso sulle piattaforme social per generare l’effetto engagement, obiettivo dell’educational.

“Sempre più turisti – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Direttore di Coldiretti Savona Simone Moroni – scelgono l’entroterra ligure e i piccoli borghi per passare qualche giorno nella tranquillità dei luoghi dove si possono trovare antiche tradizioni e mestieri custoditi da chi vive e ama queste terre. Fare toccare con mano ai turisti i nostri prodotti e fargli preparare qualche ricetta locale è un modo per fornire un’offerta turistica più completa, che va ad affiancare l’offerta balneare della costa, creando la possibilità di una vacanza 100% esperienziale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.