IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albissola dai due volti: pessimo inizio e poi la reazione, ma la rimonta non riesce risultati

La matricola di mister Fossati, sotto 0-3 con l'Olbia, recupera fino al 2-3 e sfiora il pareggio

Chiavari. Dopo le buone avvisaglie espresse dai due incontri di Coppa Italia, l’Albissola non è riuscita a confermarsi e, nel debutto nel campionato di Serie C, è stata sconfitta a domicilio. Al Comunale di Chiavari, che provvisoriamente è il campo di casa della neopromossa ceramista, l’Olbia si è imposta per 3 a 2.

È stata una partita altalenante. La prima mezz’ora ha visto un predominio degli ospiti, che sono passati in vantaggio. Poi, nel quarto d’ora conclusivo del primo tempo, l’Albissola ha premuto ma senza trovare la rete. Avvio di ripresa favorevole ai sardi, che si sono portati sul 3 a 0. Negli ultimi venti minuti più recupero quasi solo Albissola: la squadra ligure ha segnato due reti e ha addirittura sfiorato il pareggio.

La cronaca. Fabio Fossati schiera un 3-4-3 con Albertoni; Nossa, Rossini, Oprut; Balestrero, Sibilia, Damonte, Mahrous; Bezziccheri, Cais, Martignago.

A disposizione ci sono Piccardo, Bambino, Sancinito, Gulli, Russo, Raja, Oliana, Calcagno, Oukhadda, Bartulovic, Gargiulo, Gibilterra.

La squadra sarda, guidata da Michele Filippi, scende in campo con un 4-3-1-2 con Crosta, Pisano, Iotti, Vergara, Pinna; Pennington, Muroni, Vallocchia; Biancu; Ragatzu, Ceter.

In panchina siedono Van Der Want, Marson, Pitzalis, Cusumano, Cotali, Senesi, Martiniello, Tetteh.

Arbitra Giuseppe Rapece della sezione di Perugia, con l’assistenza di Massimiliano Bonomo (Milano) e Fabrizio Giorgi (Legnano).

Si gioca in una giornata calda. I locali vestono la maglia biancazzurra con pantaloncini e calzettoni bianchi; ospiti in tenuta rossa con calzettoni bianchi.

L’Olbia parte meglio. Al 5° palla da Ceter a Biancu, Balestrero lo chiude in angolo. Sul tiro dalla bandierina smanaccia Albertoni; palla fuori, Martignano commette fallo. La punizione è calciata da Ragatzu: non trova la porta.

Il portiere albissolese è chiamato alla presa alta su due cross, di Ragatzu e Pinna. I biancazzurri si fanno avanti e al 14° conquistano il primo corner: palla in area, allontanata dalla difesa sarda.

Al 18° Pisano viene fermato irregolarmente da Balestrero. Calcio di punizione, il tiro di Ragatzu è deviato in angolo dalla barriera.

L’Olbia mantiene costantemente il possesso palla e al 22°, su cross di Pinna, Ragatzu impatta il pallone ma manda a lato.

Al 25° il vantaggio ospite: fa tutto Ceter, che riceve palla, avanza senza essere fermato e scaglia un potente sinistro alle spalle di Albertoni.

L’Olbia continua a fare il gioco. Alla mezz’ora girata spettacolare di Ragatzu, altrettanto eccellente è la risposta di Albertoni.

Al 33° Ragatzu mette palla in rete su assist di Bianco, ma era in fuorigioco. Al 35° viene ammonito Pennington.

Nel finale del primo tempo c’è la reazione dei locali. L’Albissola si rende pericolossima al 36°: Mahrous batte a rete, Crosta respinge, sulla ribattuta irrompe Bezziccheri ma il portiere sardo con gran prontezza di riflessi para ancora.

Al 38° Crosta riesce ad uscire con una mano anticipando Bezziccheri. Al 40° botta a colpo sicuro di Bezziccheri da distanza ravvicinata, Crosta gli nega il gol. Poco più tardi ci prova Martignago con un sinistro al volo: a lato.

Dopo un minuto di recupero si va al riposo con l’Olbia in vantaggio per 1 a 0.

Nella ripresa si riparte senza cambi. L’Albissola pare ricominciare all’attacco, come aveva finito il primo tempo. Il primo tentativo, però, è di Ceter al 3°: a lato.

Al 7° Martignago mette in mezzo un calcio da fermo: allontanato dalla difesa. All’8° Damonte accusa qualche problema fisico ed è costretto a lasciare il campo: entra Sancinito, che debutta tra i professionisti.

Al 12° Albertoni si oppone ad un colpo di testa in tuffo di Ceter, evitando il raddoppio. Al 13° Fossati inserisce Oukhadda al posto di Bezziccheri.

L’Albissola non trova soluzioni in attacco; l’Olbia gestisce il pallone. Al 18° cross di Mahrous per una giocata acrobatica di Martignano, la difesa respinge.

Al 18° cartellino giallo per Rossini. Al 19° l’Olbia segna il 2 a 0: Ragatzu dalla sinistra sfugge alla retroguardia biancazzurra, si accentra e spara un destro che Albertoni non riesce a trattenere.

Al 20° primo cambio tra i sardi: Senesi per Ceter. L’Albissola accusa il colpo e al 21° incassa la terza rete: Ragatzu non viene fronteggiato e dalla distanza scocca un fendente imparabile.

Fossati, al 26°, manda in campo Russo e Raja per Sibilia e Mahrous. Al 30°, nell’Olbia, Tetteh per Pannington.

Alla mezz’ora del secondo tempo, il primo gol dell’Albissola in un campionato professionistico: lo realizza Cais, che è il più lesto di tutti a spedire in rete un pallone vagante in area.

Al 33° un destro da fuori area di Muroni termina a lato. Al 36° i biancazzurri riaprono la partita. Pinna e Crosta non si capiscono, si inserisce Cais che viene atterrato: calcio di rigore. Martignago lo realizza: 2 a 3.

Al 39° la matricola sfiora il pareggio: cross di Sancinito, incornata di Balestrero e sfera a lato di pochi centimetri.

L’Albissola preme, l’Olbia pare alle corde. Filippi al 41° inserisce Martiniello per Biancu.

L’arbitro assegna sei minuti di recupero. Ma è l’Olbia a costruire due pericoli. Al 47° tiro da fuori di Tetteh che Albertoni alza sopra la traversa. Al 45° palla da Tetteh a Martiniello, conclusione a botta sicura e Albertoni respinge.

L’Albissola ha ancora la forza di provarci: palla nel mezzo, Martignago conclude e Crosta, ancora una volta, salva la propria porta. È l’ultimo sussulto: termina 3 a 2 per l’Olbia.

Ferme le squadre che hanno fatto ricorso per la vicenda della Serie B, la partita tra Novara e Albissola è stata rinviata. La formazione di mister Fossati tornerà in campo mercoledì 26 settembre, ospite del Pontedera.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.