IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - Stile Savonese

Alassio, culla degli innamorati

"Stile Savonese" è la rubrica di moda, bellezza e lifestyle di IVG, a cura di Maria Gramaglia

Più informazioni su

“Stile Savonese” è la rubrica di moda, bellezza e lifestyle di IVG, a cura di Maria Gramaglia. Ogni settimana una passeggiata tra le vetrine dei negozi della nostra provincia, a caccia di novità: un “viaggio” tra le tendenze savonesi a livello di moda, bellezza o arredamento, ma anche tra proposte come gite, corsi o spettacoli a teatro.

Si narra che Adelasia, figlia di Ottone I di Sassonia, Imperatore del Sacro Romano Impero dal 936 al 972, si fosse innamorata di Aleramo, giovane coppiere di corte. Ritenendo questo amore poco regale, l’Imperatore ostacolò i due giovani. Ma l’amore non conosce barriere e affronta qualsiasi avversità pur di essere vissuto, così Adelasia e Aleramo fuggirono dalla Germania e, affrontando un lungo viaggio, giunsero ai piedi del Monte Tirasso e vi si stabilirono vivendo come umili carbonai. Quando molti anni dopo l’Imperatore venne nel nostro territorio per combattere i Saraceni, Aleramo si unì all’esercito imperiale, distinguendosi come valoroso guerriero. Fu così che Ottone si riconciliò con Adelasia e con il genero. Dove i due innamorati si erano stabiliti in seguito sorse una citta, che in onore della principessa fu chiamata Alaxia, poi Alassio.

Alassio è la citta degli innamorati a pieno titolo, avendo ottenuto il riconoscimento del marchio nell’ottobre del 2007, creato da Mario Berrino e rappresentato dai celebri pesci che si baciano,. Oltre alla leggenda che ci parla d’amore, c’è “Il Muretto di Alassio”, il gioiello artistico ideato da Berrino nel 1953, che da decenni è diventato il simbolo della città.

Il celebre artista alassino ebbe l’idea di abbellire il muretto di pietre sconnesse antistante il suo locale, il Cafè Roma, che tuttora delimita un giardino pubblico. D’accordo con l’amico, lo scrittore statunitense Ernest Hemingway, appose in gran segreto le prime piastrelle in ceramica, non avendo un’apposita autorizzazione da parte del Comune di Alassio. Non essendoci stata reazione alcuna da parte dell’ente comunale, Berrino continuò la sua opera con l’aggiunta costante nel tempo di altre piastrelle colorate e irregolari che, con il passare degli anni e con la popolarità di questo muretto decorato, furono firmate da personaggi illustri provenienti dal mondo del cinema, della televisione, della moda, dello spettacolo e dello sport. Oggi sono circa mille, tra cui la bellissima “Les Amoureaux” di Raymond Peynet.

Questo muretto è anche la base d’appoggio di una statua in bronzo che raffigura “Gli Innamorati” di Eros Pellini. Proprio lì è stata collocata anche una cassetta della posta che da molto tempo raccoglie i messaggi che gli innamorati si scrivono, che in passato venivano affidati a Berrino nel suo Café Roma, dove tanti giovani si incontravano e si innamoravano. Da qui l’ispirazione di istituire un concorso che ogni anno, in occasione di San Valentino, premia le più belle parole d’amore che giungono appositamente da tutta Europa.
Anche un’altra bellissima opera, le Cicogne d’acciaio di Mastroianni, ad Alassio parla d’amore agli innamorati.

Forse perché è una località magnifica, dove la natura è stata particolarmente generosa e le spiagge di sabbia chiarissima e di conchiglie e il mare turchese ti accolgono con calore tutto l’anno, forse perché il sole la illumina di una luce che la fa risplendere come un diamante, forse perché Alassio è la casa dei mitici Baci di Alassio: è una città romantica, che ispira l’amore. Ci vai e non puoi non innamorarti!

Successe così anche ad Arturo Graf, poeta ateniese che scrisse:

“Eccovi Alassio che innamora il sole”.

L’amore vero e grande è quel sentimento che ci rende nobili, che sommato fa una forza che può contrastare qualsiasi difficoltà, che resiste al tempo e man mano matura e cresce, senza indebolirsi mai. L’amore può ogni cosa, ce lo dimostra la leggenda di Adelasia e Aleramo, che con la forza del loro amore hanno vinto una battaglia durissima. Che poi, io non credo sia una leggenda. Amo pensare che sia stata realtà e che abbiano lasciato qualcosa di speciale nell’aria.

Baci da Alassio.

“Stile Savonese” è la rubrica di moda, bellezza e lifestyle di IVG, a cura di Maria Gramaglia: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.