IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le associazioni di IVG.it - ARCI Savona

Informazione Pubblicitaria

A Savona inaugura la mostra” In treno con Teresio. I deportati del trasporto 81″

Più informazioni su

Savona. Oggi pomeriggio, sabato 29 settembre, alle ore 17 presso la Sala Mostre Palazzo Nervi alla presenza dei presidenti ANED Maria Bolla Cesarini (sezione di Savona) e Marco Savini (Pavia) sarà inaugurata la mostra “In treno con Teresio. I deportati del trasporto 81 Milano – Flossenburg del 5- 7 settembre 1944”.

La mostra sarà visitabile in orario pomeridiano o su appuntamento fino a martedì 2 ottobre.
La mostra “Trasporto 81 – In treno con Teresio” ricorda il convoglio formato da un gruppo di 432 deportati provenienti dalle diverse carceri del Nord Italia e di diverse estrazioni sociali, partito da Bolzano il 5 settembre 1944 e giunto due giorni dopo al campo di sterminio di Flossenburg.

I deportati furono registrati come prigionieri politici contrassegnati con il triangolo rosso: vi erano figure di spicco della Resistenza e oppositori di diverso orientamento politico, liberali, monarchici, comunisti, socialisti, anarchici. Vi erano gli operai delle fabbriche del Nord e quattro rappresentanti di religione ebraica prelevati dal braccio “politico” del Carcere San Vittore a Milano, due magistrati, il sacerdote Gianantonio Agosti e Teresio Olivelli, che fu poi dichiarato santo.

Dei 432 deportati 62 erano provenienti dalla Liguria, tra i quali alcuni savonesi, sei residenti a Noli, Eugenio Pertini, fratello dell’ex presidente della Repubblica, l’agente di Polizia Penitenziaria Andrea Schivo, decorato con Medaglia d’Oro, dichiarato “Giusto tra le Nazioni” dallo Stato di Israele e alla memoria del quale è dedicata la Scuola di Formazione di Cairo Montenotte.

Spiegano i promotori dell’esposizione:

“Il ‘treno’ fu trasformato in prigione e strumento di sofferenza e morte. A Flossenbürg la percentuale di morte tra i deportati fu dell’80%. È importante che questo percorso storico sia esaminato e analizzato nella profondità della conoscenza del passato. L’invito è rivolto soprattutto ai giovani ma anche agli insegnanti, ai quali affidiamo il compito di accompagnare gli studenti alla visita di questa mostra.”

La tappa savonese è organizzata dall’Associazione Nazionale Ex Deportati Campi Nazisti (ANED) con il patrocinio dell’Assemblea Legislativa della Regione Liguria, della Provincia, della Città di Savona e di molti Comuni della provincia oltre alla collaborazione e sostegno di diverse associazioni tra cui ARCI, ANPI, FIVL, CGIL, ISREC e l’Associazione Sandro Pertini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.