IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Varazze, furto della bandiera dal Monumento ai Caduti del Mare: la lettera di scuse

L'associazione ha trovato questa mattina un biglietto di scuse per il gesto

Varazze. “Chiediamo scusa per il gesto, non era nostra intenzione mancare di rispetto ai caduti del mare, ne tantomeno alla comunità varazzina e all’associazione A.N.M.I., questo episodio ci rattrista, è stato un gesto sprovveduto. Ci rattrista molto!”. Questa è la lettera trovata questa mattina nella cassetta della posta dell’associazione Marinai d’Italia dopo il furto della bandiera avvenuto nella notte del 29 luglio scorso e che era già stato denunciato dall’associazione varazzina.

La bandiera posta sul pennone del Monumento ai Caduti del Mare, di viale Paolo Cappa, a Varazze, era stata rubata da ignoti, “un vile atto vandalico compiuto nell’oscurità della notte e della propria coscienza” aveva scritto l’associazione, “irrispettoso nei confronti di chi si adopera per mantenere sempre vivo il ricordo e la testimonianza di quanti sacrificarono la propria vita per la nostra libertà. Persone che con i loro valori hanno contribuito a fare la storia dell’Italia. Un Paese in cui le guerre sono un ricordo doloroso e lontano, anche e soprattutto grazie ai tanti giovani che si sono battuti ed hanno dato la vita per difendere i valori di Pace e uguaglianza”.

“Non possiamo accettare nel silenzio gesti che offendono la memoria di chi ha sacrificato la propria giovinezza e la vita, per consentire oggi a noi di poter liberamente esprimere le nostre idee e vivere in un Paese in pace. Però, come ha scritto il monaco benedettino Anselm Grün, nel suo volume “L’arte di perdonare”: “Saper perdonare a se stessi è condizione previa per poter perdonare agli altri”.

marinai d'Italia varazze

E l’associazione aggiunge: “Non possiamo attestarne l’autenticità perché manca l’oggetto del furto, la Bandiera, ma, comunque, l’accettiamo come attestato di
solidarietà”.

“Agli autori dell’atto vandalico, un gesto grave compiuto certamente da persone “sprovvedute”, chiediamo nuovamente: pentitevi e ravvedetevi. Una comunità per vivere in pace, sana e forte ha bisogno tutti, anche di voi. Vi aspettiamo, non è mai troppo tardi per inserirsi, capire e comprendere il valore e il significato dei propri gesti!”.

Il biglietto di scuse, se autentico, è un primo passo anche se si sarebbe meglio concretizzato accompagnato dalla Bandiera (la stessa o una in sostituzione); il secondo passo che vi consigliamo di fare, per dimostrare a voi stessi di aver compreso la vera portata e il significato del gesto compiuto, è quello di dedicare un poco del vostro tempo a una delle associazioni varazzine che si occupano di assistenza ai bisognosi, a chi soffre e a quanti, meno fortunati necessitano di aiuto e compagnia” conclude l’associazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.