IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sosta selvaggia di mezzi pesanti da corso Svizzera al casello: multe e controlli, la protesta dei savonesi

Il comandante della municipale Igor Aloi: "Stiamo intervenendo, il problema è nei weekend: autoporto troppo piccolo"

Savona. Sono centinaia nell’ultimo periodo le sanzioni elevate dalla polizia municipale di Savona nell’ambito dei controlli per soste abusive da parte dei molti camionisti, in particolare stranieri, nel tratto da Corso Svizzera al piazzale del casello autostradale di Savona: spesso una lunga colonna di camion e mezzi pesanti che dal venerdì al sabato “inondano” la zona savonese.

Molte le segnalazioni arrivate dai cittadini e altrettante sono state le attività di controllo e presidio da parte degli agenti: “Il problema è soprattutto sabato e domenica, quando la zona è effettivamente frequentata da camionisti che parcheggiano illegalmente in tutta zona di corso Svizzera e via Caravaggio – sottolinea il comandante della polizia municipale Igor Aloi -. La presenza così massiccia di mezzi pesanti è legata ai giorni di riposo e al fatto che l’attuale area dell’autoporto è molto piccola, può ospitare solo 80 mezzi pesanti, assolutamente insufficiente per l’attuale numero di autoarticolati”.

“Il fenomeno è monitorato dalla polizia municipale e dalla polizia stradale: “Stiamo predisponendo il massimo delle forze per alleviare il problema che si acuisce nella stagione estiva ma che in parte proseguirà anche nella stagione invernale, proprio per la ristrettezza dell’autoporto” conclude il comandante Aloi.

Tra le segnalazioni arrivate alla nostra redazione da parte dei savonesi si denuncia anche i bivacchi sulle spiagge libere di via Nizza da parte dei camionisti stranieri, con sporcizia e degrado a farla da padroni: “Ormai i savonesi lì non ci vanno più, perché conoscono la situazione…” denuncia un nostro lettore. “Ci auguriamo di cuore che vengano presi provvedimenti più forti, multe salate, sequestro dei mezzi in soste abusive, etc… E’ indispensabile riportare la situazione sotto controllo”.

E infine: “Diamo di nuovo spazi sulle spiagge alle famiglie savonesi e del Basso Piemonte senza aver paura per i nostri bambini e vivere contesti di degrado: vogliamo riavere il nostro litorale” conclude il nostro lettore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.