IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Meteo: prosegue il caldo afoso, si spera nei temporali venerdì previsioni

Le previsioni del Limet per la giornata di oggi, mercoledì 8 agosto

Più informazioni su

Liguria. Anche per questo mercoledì 8 agosto non accenna a diminuire il disagio fisiologico per il caldo afoso, specie lungo le coste.

Il Limet, Centro meteo ligure,prevede al mattino transito di velature o stratificazioni su gran parte della regione. Non si escludono rovesci localizzati sul savonese, con miglioramento già da metà mattinata. Nelle ore centrali, consueto sviluppo di nubi cumuliformi, ma solamente a ridosso delle Alpi Marittime e sul versante Nord dell’Appennino centrale: potrebbero recare qualche debole acquazzone. Stabile in serata ovunque con parziale aumento di nuvolosità bassa più probabile sul savonese.

Nessuna diminuzione delle temperaturerispetto a ieri: sulla costa la minima tra 22 e 26 gradi, la massima tra 30 e 34. Nell’interno la minima tra 13 e 19 gradi, la massima tra 27 e 35.

Il consiglio è, come ormai accade da 10 giorni, di limitare al minimo indispensabile le attività all’aria aperta durante le ore centrali e di bere molta acqua, con particolare riguardo per bambini ed anziani.

Nessun tipo di sollievo dal vento, visto che le brezze saranno deboli.

Marein prevalenza calmo o poco mosso.

Un po’ di sollievo povrebbe arrivare venerdì, con la possibilità di possibili temporali al mattino anche sulla costa.

Gli effetti di questo caldo prolungato possono essere potenzialmente letali per le persone anziane, fragili o già debilitate da diverse patologie.

“Rispetto a un periodo critico di 8-9 giorni registrato nel 2003 a oggi abbiamo avuto un livello di mortalità inferiore – ha spiegato ieri  Lorenzo Sampietro, direttore sociosanitario dell’Asl 3  – legato agli interventi attuati negli ultimi anni, ad esempio con l’introduzione dell’obbligo dei locali climatizzati nelle strutture per gli anziani e dell’obbligatorietà dei protocolli di idratazione. È dimostrato che la permanenza delle persone fragili per 3-4 ore in un locale climatizzato spezza l’esposizione del nostro organismo alle alte temperature e consente loro di recuperare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.