IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’Accademia Internazionale di Mandolino e Chitarra presenta il suo festival: lo dirige il savonese Carlo Aonzo

E' iniziata l'edizione 2018 dell'evento dedicato ai due tradizionali strumenti a corde

Più informazioni su

L’Accademia Internazionale di Mandolino e Chitarra presenta il suo festival: è iniziata l’edizione 2018 dell’evento, diretto da Carlo Aonzo, dedicato ai due tradizionali strumenti a corde. Tra i docenti la tedesca Sabine Spath, lo statunitense David Surette e il giapponese Katsumi Nagaoka.

La mostra di Alta Liuteria, ospitata nel Chiostro del Collegio Emiliani a Genova Nervi, ha accolto il primo evento della tredicesima edizione dell’Accademia Internazionale di Mandolino e Chitarra. Dopo il successo del concerto di apertura, a cura del Circolo Mandolinistico Risveglio e diretto da Emiliano Calamaro, che si è svolto sulla terrazza del Collegio la sera del 12 agosto, farà seguito, la vigilia di Ferragosto, alle 21,15, sempre agli Emiliani, la conferenza del Maestro Carlo Aonzo e il concerto di David Surette sullo stile mandolinistico americano. Tema: lo stretto legame che unisce il mandolino alla musica pop e rock.

L’ecletticità e le sonorità dello strumento hanno da sempre affascinato gli artisti contemporanei, anche apparentemente distanti dai generi tradizionali, che hanno utilizzato frequentemente il mandolino. La narrazione di Carlo Aonzo e l’intervento di David Surette non potrà non sorprendere il pubblico con gli aneddoti sui personaggi di grandissimo rilievo e il loro rapporto con il mandolino.

Sabato 16 agosto, nel Salone del Minor Consiglio di Palazzo Ducale, alle 18,00 “Genova e il Mandolino”, con Carlo Aonzo e i Concertisti dell’Accademia, mentre il 17 saranno gli Ensemble dell’Accademia a esibirsi con la partecipazione del Quartetto d’Archi Est del Conservatorio Paganini di Genova nel Chiostro del Collegio Emiliani di Nervi.

Chiuderà la settimana il Concerto Finale a Grand’Orchestra, con la partecipazione di tutti i docenti dell’Accademia, a celebrare il grande lavoro svolto e il rinnovato successo di questa manifestazione, capace di unire la didattica allo spettacolo per il pubblico.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.