IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’Arezzo di Dal Canto guarda ai giovani

Lo speciale Settore Giovanile del ct Vaniglia

Un mister che predica un calcio propositivo sfruttando le ali o il fantasista dove il play davanti alla difesa riveste un ruolo fondamentale. Questo è il primo identikit di Alessandro Dal Canto, nuovo allenatore del Cavallino.

Classe 1975, originario di Castelfranco Veneto, Dal Canto è cresciuto nel vivaio della Juventus. L’esordio in prima squadra arriva a soli 18 anni in una partita di Coppa Italia. Oltre alla maglia bianconera con la quale ha vinto una Coppa Uefa, ha vestito le maglie di Vicenza, Venezia, Bologna, Catanzaro e Albinoleffe, prima di chiudere la carriera a Treviso nel 2009. Il 16 luglio dello stesso anno diviene l’allenatore della formazione Primavera del Padova. Il 15 marzo 2011, dopo l’esonero di Alessandro Calori, gli viene affidata la guida della prima squadra biancoscudata, in Serie B, con cui debutta il successivo 19 marzo nella vittoriosa sfida contro il Pescara (2-0). Con i patavini sfiora la promozione in Serie A, perdendo la finale play-off contro il Novara.

Gli ottimi risultati ottenuti con i biancoscudati gli valgono la conferma alla guida della prima squadra. Alla fine della stagione 2011-2012, dopo aver mancato l’accesso alla zona play-off, non viene riconfermato sulla panchina della squadra.Frattanto il 5 luglio 2012 acquisisce a Coverciano con il massimo dei voti il titolo di allenatore di Prima Categoria UEFA Pro e quindi il diritto di ricoprire il ruolo di tecnico in una squadra della massima serie. Il 28 gennaio 2013 viene chiamato alla guida del Vicenza Virtus, dopo l’esonero di Roberto Breda; a fine campionato non riesce a evitare la retrocessione della squadra berica in Prima Divisione. Il successivo 3 luglio diventa l’allenatore dell’Unione Venezia,venendo esonerato il 20 ottobre 2014, alla nona giornata del campionato di Lega Pro.

Il 13 luglio 2015 viene nominato selezionatore dell’Italia Under-17, con cui raggiunge la fase finale del campionato europeo di categoria in Azerbaigian, venendo eliminato dopo le tre partite del girone. Di quella squadra facevano parte fra gli altri Plizzari (AC Milan). Bastoni (Atalanta Pellegrini (AS Roma), Tripaldelli (Juventus FC) Caligara (Juventus FC), Frattesi (AS Roma) e gli attaccanti Kean (Juventus FC), Pinamonti (FC Internazionale), Scamacca (PSV Eindhoven ora Sassuolo). Il 17 giugno 2016 passa alla guida della formazione Primavera dell’Empoli, con cui raggiunge la finale del Torneo di Viareggio 2017 persa contro il Sassuolo. Il successivo 19 giugno viene nominato allenatore della formazione Primavera della Juventus. Con i bianconeri viene eliminato agli ottavi di Coppa Italia dal Torino e nella semifinale del Torneo di Viareggio e di campionato per mano di Fiorentina e Inter. Il 13 giugno 2018 lascia il club piemontese e lo stesso giorno diventa il tecnico dell’Arezzo che lo “blocca” con un autentico blitz in terra milanese messo in atto da Ermanno Pieroni. Niente presentazioni o interviste nell’immediato. D’altronde serviva la matricola federale e poi fino al 30 giugno il contratto di Dal Canto con la Juve era in vigore. Anche per il settore giovanile aretino una nuova stagione è alle porte. L’8 agosto hanno cominciato la loro preparazione l’Under 19 (Berretti), l’Under 17 e l’Under 15.

Le squadre si sono ritrovate per il primo allenamento, in vista di una stagione che segna l’inizio di un nuovo corso.Le 3 squadre si alleneranno presso l’impianto sportivo di Palazzo del Pero e proseguiranno la loro preparazione fino a sabato 1 settembre. L’Under 19 agli ordini di mister Alessandro Longo lavorerà insieme allo staff composto da Giacomo Gorgoni (assistente), Simone Maggini (preparatore fisico). L’Under 17 lavorerà agli ordini di mister Dante Gioacchini insieme a Fabiano (assistente) e Simone Maggini (preparatore fisico). L’Under 15 infine sarà allenata da Stefano Saviotti, Donatello Marchi (assistente) e Christian Otelli (preparatore fisico). Il preparatore dei portieri per tutte le formazioni sarà Antonio Tagliaferri che avrà la supervisione del preparatore dei portieri della prima squadra Francesco Franzese ( un passato da calciatore con Novara e Verona e come preparatore dei portieri vanta esperienze a Deruta, Castel Rigone, in India con Materazzi, e a Viterbo con Nofri) che ospiterà, a turno, i giovani portieri amaranto ad allenarsi con la formazione allenata da mister Alessandro Dal Canto.

La S.S. Arezzo è pertanto ben lieta di annunciare che a partire dalla prossima stagione sportiva 2018/2019 darà ulteriore impulso all’attività del proprio settore giovanile. Saranno anche quest’anno ben nove le formazioni che scenderanno in campo con la maglia del Cavallino al petto. Ognuna di esse sarà ottimamente guidata da tecnici e relativi staff ai quali la società ha rinnovato la propria fiducia. In aggiunta, da quest’anno, come ampiamente anticipato la S.S. Arezzo e la Società Olmo Ponte, in totale collaborazione organizzeranno una nuova compagine “Primi Passi – Scuola Calcio” presso gli impianti sportivi di quest’ultima. L’organigramma del settore giovanile amaranto sarà così composto: Proietti Stefano – presidente; Longo Alessandro – direttore tecnico e allenatore Berretti; Ceccherini Massimiliano – dirigente sportivo; Fazzuoli Pietro – responsabile logistica.

Lo staff tecnico della prima squadra è stato del tutto rinnovato. I ponti con il recente passato dell’Arezzo sono stati tagliati. Dal Canto rispetto ai suoi predecessori Bellucci e Pavanel potrà lavorare con i suoi collaboratori. Lo staff tecnico è formato da persone di fiducia che hanno avuto già esperienze con Dal Canto. Vedi il secondo Giuliano Lamma, recordman di presenze con il Prato, con Dal Canto a Torino e a Empoli. Oppure il preparatore atletico che arriva dalla Primavera empolese, il professor Francesco Carchedi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.