IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Ivan, you are an iron man”: Cappelli scrive una pagina storica per il triathlon ligure foto

A Tallinn il portacolori del Doria Nuoto Loano conclude la gara e con un eccellente tempo, terminando terzo di categoria

Loano. Ci sono storie a lieto fine, quelle dove la passione ed il lavoro dimostrano che pagano sempre, che nulla si improvvisa, ma che i sogni si costruiscono con la volontà ed il talento.

You are an iron man”, la voce assordante di uno speaker che ti consacra nell’Olimpo del triathlon, era uno dei sogni di Ivan Cappelli, l’atleta del Doria Nuoto Loano nel triathlon e dell’Asd RunRivieraRun nel running, che sabato 4 agosto nella gara di Tallinn, in Estonia, il suo primo IronMan (3,8 chilometri di nuoto, 180 chilometri in bicicletta e 42,195, la Maratona, di corsa), ha dimostrato quanta classe possiede.

Questo giovane atleta loanese, classe 1995, a nemmeno 23 anni (li compirà il prossimo 30 settembre), ha scritto una delle pagine più belle della storia del triathlon ligure piazzandosi al terzo posto nella categoria 18/24 e 182° su 1.072 nella classifica finale, compresi gli atleti Pro, chiudendo in 10 ore 08’28”; un tempo super considerando sia la giovane età sia il fatto che Ivan non ha potuto gareggiare con la sua bici (dispersa, anche se poi arrivata, durante gli scali aerei di trasferimento), ma con una bicicletta noleggiata sul posto e messa a punto a tempo di record.

“Temperatura dell’acqua registrata all’ora della partenza 15,4ºC, partenza con rolling start. Nella prima frazione registro un tempo di circa 55’ che mi consente di uscire dall’acqua con parecchie energie in tasca – ci racconta il triathleta del Doria Nuoto -. Frazione in bici. Bici da strada affittata, riesco a reggere fino a metà frazione dopodiché le energie vengono meno e decido di non forzare più il ritmo, verso gli ultimi 20 km ritrovo la giusta pedalata che mi porterà in T2. Frazione di corsa. Parto deciso, peccando di inesperienza e dopo 17 km inizio a faticare, in più le due salite (a giro, 10,5 km l’uno) e un violento temporale non facilitano la mia situazione. Intorno al km 32 riesco a raccogliere le ultime energie rimaste per chiudere il mio esordio IronMan poco sopra le 10 ore come ci eravamo prefissati. Guadagno così il terzo posto nella mia categoria: Ivan, you are an ironman!! Un’esperienza che non dimenticherò mai!“.

E adesso si guarda avanti. Un po’ di riposo per ricaricarsi, ma si alza l’asticella per i prossimi obiettivi: il futuro di Ivan Cappelli è già iniziato ed il sogno di arrivo si chiama Hawaii. E se il buongiorno si vede dal mattino…

Ivan Cappelli
Ivan Cappelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.