IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Italiana Coke: aumentano produzione e ricavi, migliorano gli indicatori finanziari

Riottenuto il merito creditizio, si prospetta la chiusura in utile

Cairo Montenotte. Il gruppo Italiana Coke, superata la fase di difficoltà finanziaria, torna a marciare su livelli sostenuti di produzione e migliora sensibilmente gli indicatori economici e finanziari. L’amministratore delegato del gruppo, Paolo Cervetti, ha presentato al Cda le relazioni sulla gestione da sottomettere prossimamente al tribunale come previsto dal concordato di continuità.

Il bilancio annuale di Italiana Coke al 30 giugno 2018 presenta ricavi per quasi 123 milioni di euro (+17,9 per cento rispetto al 2017), un Ebitda superiore a 6,5 milioni (l’anno scorso 0,1) e traguarda la chiusura in utile, nonostante l’elevato ammontare degli ammortamenti. La Società ha effettuato anche operazioni straordinarie, aumentando la cassa generata, e ha disponibilità liquide al 30 giugno pari a 16 milioni di euro. L’azienda è tornata a produrre i flussi di cassa necessari sia alle attività operative (in particolare agli acquisti di carbone) sia al progressivo ripagamento dei debiti pregressi.

Inoltre, Medio Credito Italiano (Gruppo Banca Intesa) ha deliberato il merito creditizio, come pure confermato l’erogazione del prestito per la sua quota parte. Tale passo è il presupposto necessario per finalizzare la pratica di pagamento da parte del ministero dell’industria e dello sviluppo economico del prestito ottenuto per i lavori di adeguamento ambientale, conclusi nel 2013.

La pratica al Mise è stata riattivata attraverso Ubi Banca, agente del ministero, e il prestito, insieme con il finanziamento a fondo perduto, potranno essere erogati, aggiungendosi alla finanza generata dalla società autonomamente.

“Sebbene tali risultati si discostino lievemente dal piano concordatario omologato, redatto nel lontano 2015 – afferma l’ad Paolo Cervetti – essi dimostrano un’importante inversione di tendenza.

L’azienda è tornata in equilibrio, grazie allo sforzo di dipendenti, collaboratori e partner. Ci attendiamo ora che le pratiche ancora in corso siano svolte con celerità nonostante il periodo estivo”.
Al fine di garantire ulteriore protezione al processo di ristrutturazione e al ripagamento dei creditori “aziende”, molte delle quali continuano a lavorare per il Gruppo, Italiana Coke ha anche chiesto alle banche che sostengono il piano una dilazione di diciotto mesi sulla restituzione dei crediti, vantati dalle banche stesse; alcuni degli Istituti di credito coinvolti hanno già risposto positivamente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.