IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Guasto ad una pompa idrica, parte di via Monteprato “a secco” per oltre 48 ore. Santi: “Si tratta di impianto privato, non comunale”

I residenti lamentano “gravi disservizi”: L’assessore: “Nessuna emergenza segnalata; nel caso, pronti ad attivarci”

Savona. Un guasto ad una pompa “blocca” l’impianto idrico e parte di via Monteprato, in zona Santuario, a Savona, resta “a secco” per oltre 48 ore, scatenando la rabbia di alcuni residenti.

“A causa di un guasto alla giunta della pompa idrica, una parte di via Monteprato, a Santuario, è senza acqua da giovedì 2 agosto, alle 15. E dopo 48 ore non si è visto ancora nessuno per accertare che in queste case non ci siano anziani bisognosi o famiglie con bambini piccoli impossibilitati a procurarsi l acqua da soli”, la denuncia di un gruppo di abitanti della zona.

Una situazione che ha generato però un sentimento di amarezza in Comune a Savona, come si evince chiaramente dalle parole dell’assessore ai lavori pubblici Pietro Santi, che ha fornito una versione diversa dell’accaduto.

“Intanto partiamo dal presupposto che nessuno dei residenti di via Monteprato ha segnalato al Comune gravi casi di emergenza legati alla mancanza di acqua. Quindi chi ha evidenziato l’accaduto o è poco informato o è in malafede”, ha dichiarato l’amministratore savonese.

“La pompa in questione, infatti, fa parte di un impianto privato, non comunale, e sono stati gli stessi privati ad avvisarmi del disservizio, qualche giorno fa, garantendomi al contempo una celere azione per andare a risolvere il problema. E ribadisco: nessuno ha segnalato casi di vera e propria emergenza anche perché, nel caso, ci attiveremmo immediatamente chiedendo il supporto dell’acquedotto e dei vigili del fuoco per fornire acqua potabile”, ha proseguito Santi, che da tempo sta portando avanti un impegno proprio per risolvere definitivamente il problema in questione.

“Quella di via Monteprato è una situazione che conosciamo bene e che abbiamo studiato a fondo. Da tempo, infatti, siamo in trattativa con l’acquedotto con l’obiettivo ultimo di allacciare finalmente la via all’acquedotto generale e non più all’impianto privato”, ha concluso l’assessore ai lavori pubblici.

E a confermare le parole dell’amministratore savonese è stato proprio uno dei residenti di via Monteprato (evidentemente non facente parte del gruppo che ha fatto partire la segnalazione-denuncia).

“In relazione al guasto segnalato, – ha spiegato l’uomo, – posso confermare che trattasi di acquedotto privato in quanto la via non è tuttora asservita da quello pubblico. Vorrei riferire che, unitamente ad alcuni altri residenti della via sono ormai 15 anni che cerchiamo di trovare una soluzione con il comune ma sino a poco tempo fa non sembrava esserci soluzione”.

“Ultimamente con grande sforzo dell’acquedotto ed impegno dell’assessore ai lavori pubblici sembra esserci una possibilità di risolvere la situazione. Il problema odierno non è imputabile al Comune ne tantomeno all assessorato ai lavori pubblici”, ha concluso il residente di via Monteprato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.