IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Crollo del ponte Morandi, le reazioni del mondo della politica italiana ed estera fotogallery video

Dai ministri Salvini e Di Maio ai parlamentari, senatori e amministratori, locali e non, tutti si stringono attorno al dolore di Genova

Genova. Poco prima di mezzogiorno è crollato il ponte Morandi, il viadotto sospeso della A10 che attraversa la Valpolcevera e che precede lo svincolo per Bolzaneto e la barriera di Genova Ovest.

Tante le reazioni del mondo della politica: dal premier Conte, che sta seguendo passo passo la vicenda, ai ministri Salvini e Di Maio fino ai parlamentari, senatori e amministratori, locali e non. Tutti si stringono attorno al dolore di Genova.

In primis, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “È una catastrofe quella che ha colpito Genova e l’Italia intera. Su persone e famiglie inermi si è abbattuta una disgrazia spaventosa e assurda. Il primo pensiero, mio come di tutti gli italiani, va alle vittime, ai feriti, alle sofferenze e alle angosce dei loro familiari. A quanti oggi piangono per i loro cari, desidero esprimere il più sentito cordoglio, la mia vicinanza e, insieme, la solidarietà della Repubblica. Un caloroso ringraziamento rivolgo a coloro che (sulle strade, tra le macerie, negli ospedali) si sono immediatamente prodigati e tuttora continuano a lavorare in condizioni di difficoltà, per salvare vite e per recuperare i corpi di chi è stato travolto. Questo è il momento dell’impegno comune, per affrontare l’emergenza, per assistere i feriti, per sostenere chi è colpito dal dolore, cui deve seguire un esame serio e severo sulle cause di quanto è accaduto. Nessuna autorità potrà sottrarsi a un esercizio di piena responsabilità: lo esigono le famiglie delle tante vittime, lo esigono le comunità colpite da un evento che lascerà il segno, lo esige la coscienza della nostra società nazionale. Gli italiani hanno diritto a infrastrutture moderne ed efficienti che accompagnino con sicurezza la vita di tutti i giorni. I controlli, la cultura della prevenzione e l’intelligente ammodernamento del sistema delle comunicazioni, devono essere sempre al centro dell’azione delle istituzioni pubbliche e dei concessionari privati, a tutti i livelli”.

Il presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte: “Profondamente colpito dalla tragedia che ha interessato Genova, mi sono messo immediatamente in contatto con il ministro Danilo Toninelli, il capo della protezione civile Angelo Borrelli e le autorità competenti. Sono in costante aggiornamento con i responsabili dei soccorsi e tra qualche ora mi sposterò a Genova per seguire direttamente in loco il coordinamento delle attività e per portare la vicinanza di tutto il Governo alle vittime di questa tragedia e ai loro familiari. Ringrazio la macchina dei soccorsi che, come sempre, si è attivata prontamente e continua a operare con grande umanità e professionalità”.

“Tutto il governo, in particolare il ministro dei trasporti Danilo Toninelli, sta seguendo con attenzione quanto sta succedendo a Genova. È una tragedia immane. I soccorritori sono incessantemente al lavoro e li ringrazio per il loro impegno. Mi sto recando sul posto perché lo Stato, in questo momento, deve far sentire la sua vicinanza ed essere accanto prima di tutto alle famiglie delle vittime”, ha dichiarato il vicepresidente del Consiglio dei ministri Luigi Di Maio.

“Stiamo seguendo dalla Sala Operativa di Roma minuto per minuto la situazione del crollo del ponte di Genova, ringrazio fin da ora i 200 Vigili del Fuoco (e tutti gli altri eroi) già al lavoro per salvare vite. Un ringraziamento alle centinaia di professionisti e volontari impegnati da ore nei soccorsi e una preghiera per le vittime e per le loro famiglie. Andremo fino in fondo per accertare le responsabilità di questo disastro immane”, ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“Sto seguendo con la massima apprensione ciò che è accaduto a Genova e che si profila come immane tragedia. Siamo in stretto contatto con Autostrade e stiamo andando sul luogo con il viceministro Rixi. La mia totale vicinanza in queste ore alla città”, ha affermato il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli.

Il ministro della difesa Elisabetta Trenta: “La difesa segue costantemente la tragedia di Genova offrendo il massimo supporto ai soccorsi. Grazie ai professionisti e ai volontari che in queste ore stanno dando il massimo per salvare vite umane. La mia più sentita vicinanza alla città e alle persone colpite”.

Il presidente della Camera Roberto Fico: “Un pensiero a tutte le persone coinvolte nella tragedia di Genova, e un grazie ai soccorritori che stanno facendo di tutto per salvare uomini e donne dalle macerie”.

Il viceministro Edoardo Rixi: “Con i soccorritori sul luogo del crollo del Ponte Morandi. Uno scenario drammatico. Il mio ringraziamento va alle forze dell’ordine, ai Vigili del fuoco, Polizia municipale, Protezione civile e a tutte le persone impegnate a prestare aiuto alla città e alle persone coinvolte”.

Il vicepresidente del Senato Paola Taverna: “Le immagini del crollo del ponte a Genova sono sconvolgenti. Le cause saranno accertate ma oggi le polemiche devono lasciare il posto al dolore delle persone rimaste coinvolte in questo tragico evento. Il mio abbraccio va a loro e alle loro famiglie”.

“Le immagini che arrivano da Genova sono terrificanti. Il crollo del ponte Morandi è una tragedia di proporzioni immani e prego che non ci siano vittime. Sto cercando di raggiungere la mia città e sto seguendo passo passo le operazioni di soccorso in contatto con i ministri Toninelli e Di Maio. Chiunque sia sul posto dia notizie”. Lo ha scritto, su Facebook, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera, il ligure Sergio Battelli.

E i parlamentari del M5S Sergio Battelli, Elena Botto, Mattia Crucioli, Matteo Mantero, Marco Rizzone, Roberto Traversi, Simone Valente, Leda Volpi aggiungono: “Il nostro pensiero va alle persone che hanno perso la vita, ai feriti e a tutte le famiglie coinvolte da questa tragedia immane che ha colpito al cuore Genova, la nostra Liguria e l’Italia intera. Molti di noi sono sul posto per seguire da vicino le operazioni di soccorso in costante contatto con i ministri Toninelli e Di Maio che, già nelle prossime ore, saranno a Genova. Faremo di tutto per accertare la verità, intanto vorremmo ringraziare Vigili del Fuoco e protezione civile che stanno facendo l’impossibile in condizioni davvero proibitive per cercare i sopravvissuti. Grazie anche a tutti coloro che stanno dando una mano e chi, in Italia come in Europa, si sta stringendo attorno alla nostra terra ferita”.

Eurodeputata Renata Briano (Pd): “La nostra città non trova pace. Un pensiero a tutte le persone coinvolte dal crollo, ai soccorritori e ai medici impegnati in queste ore a salvare vite. Concentriamoci su questo adesso”.

L’onorevole Franco Vazio (Pd): “Una tragedia immane. Un dolore immenso per le vittime e per le persone coinvolte. Una terribile ansia per le persone sotto le macerie. Un abbraccio fortissimo per i tanti Vigli del Fuoco e i tanti volontari soccorritori che sono al lavoro per salvare vite e speranze. Un’ incredulità di fronte a cose che non dovrebbero accadere. Ecco cosa provo di fronte a quello che non avrei mai voluto vedere così da vicino”.

L’onorevole Sara Foscolo (Lega): “Tragedia a Genova per il crollo del Viadotto Morandi sul Torrente Polcevera. Le prime notizie parlano di decine di vittime! Grazie a tutti i soccorritori che in queste ore sono al lavoro per salvare vite”.

Il senatore Paolo Ripamonti (Lega): “Aiuto, una tragedia che ti lascia senza parole. Speriamo che il bilancio delle vittime sia il più esiguo possibile”.

Carlo Sibilia, deputato (M5S): Le prime immagini del ponte Morandi crollato poco fa a Genova. Il nostro pensiero alle persone coinvolte e il nostro grazie a chi sta operando in questa emergenza”.

Luca Pastorino, deputato di Possibile: “In momenti tragici come questi c’è la necessità di sostenere gli sforzi dei soccorritori e manifestare tutta la vicinanza alle persone coinvolte dal disastro avvenuto oggi a Genova. Sto seguendo gli aggiornamenti, che purtroppo si confermano drammatici, come si temeva sin dalle ore 12. Questo disastro fa male a Genova e ai genovesi già feriti dalle alluvioni degli ultimi anni”.

Raffaela Paita, deputato (Pd): “Il crollo del ponte Morandi di Genova è una enorme tragedia. Vicini a vittime e feriti. Grazie ai soccorritori impegnati in queste ore”.

“Esprimo il cordoglio di tutta l’assemblea legislativa per l’immane tragedia che questa mattina ha colpito Genova e tutta la Liguria. Siamo vicini – ha dichiarato il presidente del consiglio regionale Alessandro Piana – alle famiglie delle vittime e dei feriti. Mentre non si conoscono ancora le dimensioni definitive di questo dramma – aggiunge – non possiamo che stringerci intorno a chi è stato tragicamente coinvolto nel crollo del Ponte Morandi. Auspichiamo che il numero delle vittime non sia elevato e esprimiamo un vivo apprezzamento per la tempestività con cui si è attivata la macchina dei soccorsi”.

Luana Isella, vicepresidente della Provincia di Savona: “Una data, l’ennesima, che rimarrà impressa a fuoco nella nostra, nella mia memoria. Non solo perché su quel ponte ci sarò passata moltissime volte, ma soprattutto perché in questi ultimi due anni ho vissuto in prima persona l’importanza delle opere di manutenzione, di cura, di attenzione nei confronti delle nostre infrastrutture. Troppe volte abbiamo urlato la nostra rabbia nel vedere togliere i fondi agli enti territoriali, troppo spesso abbiamo preso decisioni che hanno scontentato il territorio perché abbiamo messo la sicurezza al primo posto limitando dei transiti o chiudendo dei tratti di strada perché non si avevano e non si hanno tutt’ora le risorse necessarie per mettere le mani sul problema. Genova oggi piange ma piange tutta la Liguria, terra bellissima ma troppo piccola da far sentire la sua voce, le sue reali necessità”.

Il vescovo di Albenga-Imperia Guglielmo Borghetti: “La terribile tragedia accaduta a Genova ci sgomenta e ci stordisce. La diocesi di Albenga-Imperia, dal vescovo ai  sacerdoti ai religiosi e religiose e ai laici tutti, si stringe alla città di Genova con grande affetto e sentimenti di cristiana solidarietà in questo momento di indicibile dolore. La preghiera per coloro che hanno perso la vita, per i loro famigliari, per i soccorritori che stanno compiendo un lavoro straordinario, è forte, costante e generosa. La contemplazione di Maria Assunta ci richiama  con forza alla prospettiva dell’eternità, approdo  della vita di ciascuno di noi  e ci sostiene nel nostro cammino come segno di consolazione di sicura speranza.  Eventi come questi ci aiutano a meditare con pensosità sulla precarietà e nel contempo  preziosità della  vita, dono meraviglioso da custodire con amore”.

Il sindaco di Savona, Ilaria Caprioglio, dice: “In tarda mattinata, mentre stavamo terminando la ricognizione per verificare le condizioni di strade e sottopassi della nostra città in seguito alla violenta perturbazione che si è abbattuta, è giunta la notizia del crollo del ponte Morandi a Genova. Il pensiero va alle tante vite spezzate in questa immane tragedia e a tutti i soccorritori che, in questo momento, stanno lavorando per cercare di salvare le altre persone coinvolte”.

Il sindaco di Ceriale Luigi Romano: “L’amministrazione comunale di Ceriale, in queste ore drammatiche per la nostra Regione e nell’esprimere la propria vicinanza a tutte le famiglie che si sono trovate coinvolte in questa tragedia, le cui dimensioni reali non sono ancora note, ha deciso di sospendere tutti gli eventi programmati per oggi e domani.Sono ore di cordoglio e di duro lavoro per i soccorritori, non riteniamo giusto procedere con i festeggiamenti come se niente fosse successo poco lontano da noi”.

Il vicesindaco di Toirano, Giuseppe De Fezza: “Non ci sono parole per questa tragedia. Una preghiera per tutte le persone coinvolte e la nostra solidarietà a tutti i soccorritori. L’amministrazione comunale di Toirano, come del resto la maggior parte dei Comuni, ha messo a disposizione dei soccorsi unità operative di protezione civile qualora vi fosse la necessità di supportare le squadre locali”.

Alessandro Oddo, sindaco di Tovo San Giacomo: “Sono fuori Italia e le immagini del viadotto Morandi crollato mettono angoscia e smarrimento. Per tutti noi liguri attraversare quel ponte era qualcosa di familiare: quante code ed imprecazioni prima di imboccare l’uscita per Genova Ovest in questi anni! E poi, come non ammettere che quel ponte “alla Brooklyn” da piccoli ci faceva sognare ed immaginare un futuro sicuramente provinciale, ma genuino. Oggi di fronte a tale tragedia, alle morti ed alla distruzione, con una città, Genova ed una Regione, la nostra Liguria, attonite e sbigottite, credo il primo pensiero debba andare alle famiglie di chi ha perso la vita in questo crollo ed a chi sta lavorando per prestare i soccorsi. In un giorno di lutto per tutti, le riflessioni devono essere indirizzate sulla ricerca delle cause e degli eventuali colpevoli di questo dramma, ma anche sul futuro della mobilità della nostra Regione che da oggi evidenzia ancora di più la sua arretratezza ed obsolescenza. Tutta la comunità di Tovo San Giacomo si stringe idealmente alla città di Genova ed al suo sindaco”.

L’assessore al turismo del Comune di Albenga Alberto Passino: “Non ci sono parole, solo sgomento e rabbia! Una preghiera per le vittime e i dispersi, e un pensiero di sostegno ai soccorritori, che avranno davanti cumuli di macerie e dovranno affrontarli con la speranza di recuperare vivo chi si trova intrappolato”.

Di seguito il comunicato congiunto di Pd Liguria, Pd Genova, Gruppo Pd Regione Liguria, Gruppo Pd Comune di Genova, Parlamentari liguri Pd: “Giornata di lutto per Genova. Siamo vicini alle famiglie delle vittime del crollo del ponte Morandi. Ringraziamo le squadre di soccorso. Facciamo fronte comune di fronte a questa immane tragedia” Di fronte all’immane tragedia che oggi ha colpito Genova con il crollo di un grande tratto del Ponte Morandi, esprimiamo profonda vicinanza e cordoglio alle famiglie delle vittime e a quanti sono rimasti coinvolti in questo drammatico evento. Vicinanza e cordoglio espressi anche dal segretario nazionale Martina, in questi minuti in costante contatto telefonico con Genova. Ringraziamo le squadre di emergenza che da subito si sono attivate per prestare soccorso e per salvare le vite di chi è rimasto sotto le macerie. Quella di oggi è una giornata di lutto per la nostra città e l’intero Paese. Abbiamo già comunicato a Comune e Regione la nostra totale disponibilità in un frangente così drammatico in cui compito delle istituzioni è fare fronte comune nell’interesse dei cittadini e abbiamo sospeso ogni iniziativa ed evento politico sul territorio per dare precedenza a questa emergenza”.

“Ci uniamo al dolore per le vittime della tragedia a Genova, ma siamo convinti che il Paese debba smettere di spendere denaro pubblico in opere inutili, ma provvedere alla manutenzione delle strutture in essere”. Così in una nota Rinaldo Sidoli, segretario di Alleanza Popolare Ecologista (Ape). “Questa tragedia – prosegue – non deve essere strumentalizzata politicamente, ma deve diventare un monito perché si investa sulla manutenzione. Viviamo in un Paese che vede il 7,7% del proprio territorio sepolto da cemento e asfalto, valore tra i più alti in Europa. Il consumo di suolo in Italia è aumentato anche nel 2017. La superficie naturale si è ridotta di ulteriori 52 km2 l’anno scorso: ogni due ore viene costruita un’intera piazza Navona, ogni secondo vengono coperti con cemento o asfalto 2 metri quadrati di territorio. Non servono opere nuove, bisogna mettere in sicurezza il territorio e si potrebbero creare 7.000 posti di lavoro”. Conclude la nota Sidoli: “Serve una nuova cultura dell’impiego del suolo che metta al primo posto la sicurezza della collettività e ponga fine a usi speculativi e abusivi del territorio. Gli ambientalisti non sono dei gufi, vogliono solo che queste tragedie non avvengano più, perché a pagare il prezzo più alto sono i cittadini che pagano le tasse”.

Luca Maestripieri, segretario generale Cisl Liguria, e Marco Granara, segretario generale Cisl Genova, dicono: “E’ difficile rivendicare in una giornata come questa, in cui il primo pensiero va alle persone che hanno perso la vita, tra cui un bimbo di 9 anni, e alle loro famiglie. In prima istanza esprimiamo la vicinanza a chi ha perso i propri cari, perché il dolore non può che prendere il sopravvento su tutto”.

“È nostro preciso dovere – prosegue il segretario generale Cisl Liguria e Genova – metterci a disposizione della città in questo momento tragico, ma anche richiamare l’emergenza nell’emergenza: la necessità che il porto e le imprese non restino isolate, che la città stessa non resti isolata, che a patirne non siano il lavoro e le incolpevoli famiglie genovesi. Piangiamo i morti, com’è giusto, aspettiamo che la magistratura individui i responsabili, com’è giusto, ma pensiamo anche alla città, che non deve essere un’altra vittima di questa sciagura. Il sindaco Marco Bucci ha detto che la Genova non è in ginocchio. Noi pensiamo che questo possa accadere se non si prendono immediati provvedimenti per bypassare il ponte crollato.

Serve una legge speciale per Genova, da approvare nel più breve tempo possibile, iniziando a lavorarci già da giovedì. Il sottosegretario Edoardo Rixi ha detto che il Ministero si impegnerà da subito per trovare una soluzione. Questa soluzione deve arrivare in tempi strettissimi, deve essere trovata mentre si lavora nell’emergenza a soccorrere i feriti ed essere approvata in tempi brevissimi, mentre ancora si sgombera l’area dai pezzi di ponte crollato con i veicoli sulla città”.

“Poi – concludono Maestripieri e Granara – bisogna impegnarsi per la sicurezza delle vecchie infrastrutture e per la costruzione delle nuove. Lanciamo un appello alle persone responsabili, che hanno a cuore il bene comune: le reti dei trasporti sono insufficienti e deteriorate. È arrivata, purtroppo, questa tragedia a richiamare l’urgenza di intervenire. La nostra comunità deve trovare la forza di rialzarsi, da subito”.

Mario Ghini, segretario generale di Uil Liguria, dichiara: “Un’altra tragedia ha colpito Genova in queste ore: è crollato ponte Morandi, una via di comunicazione che collegava la città all’aeroporto, levante a ponente e che fungeva da raccordo tra le varie arterie autistradali. È una tragedia che ci colpisce nel profondo perché ci sono decine di morti e tanti feriti, è un fatto che coinvolge migliaia di famiglie polceverasche che hanno dovuto sgomberare abitazioni e attività produttive. Siamo accanto ai lavoratori coinvolti e attendiamo con ansia di conoscere la sorte dei feriti. È una tragedia che ci colpisce anche in virtù dello sviluppo della città che, allo stato attuale, rischia l’isolamento e il congestionmento”.

“In una situazione in cui si procede alla conta dei morti e dei danni, mai come in questo momento appare chiara la fame di infrastutture adeguate e sicure che ha la Liguria. Infrastrutture in grado di sostenere le esigenze della popolazione e i traffici che, negli anni, si sono fatti più intensi e caotici. Il tempo delle chiacchiere, ci sembra chiaro, è finito: occorre velocizzare l’avvio delle grandi opere e adeguarle alle necessità del futuro che ci ha colti di sorpresa e che, amaro, sta scorrendo sotto i nostri occhi. Ringraziamo le forze dell’ordine e i volontari che in queste ore si stanno attivando per salvare i superstiti e ripristinare ordine, sicurezza e traffico. Siamo al fianco delle famiglie colpite, degli sfollati, dei lavoratori coinvilti e delle attività profuttive che hanno subito grandi disagi. Il nostro sindacato è e resta a disposizione”.

Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, il più rappresentativo dei Baschi Azzurri, dice che “nessuna scorta di polizia penitenziaria addetta al trasporto di detenuti, e quindi anche nessun ristretto, è stata per fortuna coinvolta nel tragico crollo del ponte Morandi a Genova. Lo snodo autostradale coinvolto nel tragico evento vede spesso il transito di mezzi di polizia penitenziaria e di detenuti che vengono trasportati presso aule di giustizia e altre carceri. Oggi, per fortuna, nessun mezzo del corpo di polizia penitenziaria, nessuna scorta e nessun detenuto è stato coinvolto nel tragico crollo del ponte Morandi. Ai familiari delle vittime va il cordoglio del Sappe, parte integrante del tessuto cittadino genovese con le realtà penitenziarie di Marassi e Pontedecimo, tanto che diversi poliziotti penitenziari si sono messi liberamente a disposizione presso i reparti di appartenenza per dare il proprio libero contributo alle operazioni di sicurezza pubblica e protezione civile conseguenti il tragico evento”.

Roberto Traverso del Siap: “Oggi è il momento del dolore, sgomento, rabbia. Il momento del plauso a tutti i soccorritori e ai #poliziotti che scavano a mani nude. Da domani emergano le vergognose responsabilità di chi incurante nel tempo ha permesso il verificarsi di tale assurdo dramma”.

L’ex ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio: “Dolore per la tragedia che ha colpito la città di #Genova.  Vicinanza alle persone coinvolte, gratitudine ai soccorritori”.

Numerose anche le reazioni della politica estera.

Donald Tusk, presidente del consiglio europeo: “Il mio cuore e i miei pensieri sono a #Genova con le vittime, le loro famiglie e i loro cari”.

A cominciare dal presidente della  Commissione europea, Jean-Claude Juncker: “Sto seguendo i tragici fatti di Genova. Esprimo la mia più profonda vicinanza e sincere condoglianze alle famiglie e agli amici di coloro i quali sono morti e all’intero popolo italiano. I miei migliori incoraggiamenti di forza e coraggio ai soccorritori coinvolti nelle operazioni di salvataggio”.

Il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron: “I nostri pensieri vanno alle vittime, ai loro familiari e a tutto il popolo italiano. La Francia è vicina all’Italia in questa tragedia e rimane pronta ad apportare tutto il sostegno necessario”.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau: “Le foto di Genova sono strazianti. Il Canada esprime le sue più sentite condoglianze agli amici e ai parenti delle persone rimaste uccise nel crollo del ponte, e auguriamo una pronta guarigione ai feriti”.

Anche il mondo del calcio italiano si stringe attorno al dolore di Genova per la tragedia. Un minuto di silenzio all’inizio di tutte le partite della prima giornata della Serie A, nelle quali, su indicazione del presidente Miccichè, tutte le squadre scenderanno in campo con il lutto al braccio. Così la Lega Serie A, accogliendo le disposizioni del Coni, ha deciso di ricordare le vittime del crollo del ponte a Genova. “Il presidente Gaetano Miccichè e tutta la famiglia della Lega Serie A – si legge nella nota – esprimono il proprio cordoglio e si uniscono al dolore delle famiglie delle vittime coinvolte nel crollo del Ponte Morandi sull’autostrada A10 di Genova”.

SS Lazio: “La SSLazio è vicina alla città di Genova ed a tutte le persone coinvolte dal crollo di Ponte Morandi”.

FC Internazionale: “L’Italia e Genova si trovano in queste ore ad affrontare una grande tragedia. Desideriamo esprimere agli abitanti del capoluogo ligure e alle persone coinvolte nel crollo del Ponte Morandi la nostra vicinanza. A tutti loro va il nostro pensiero”.

Genoa CFC: “Il Genoa Cfc sta seguendo con grande apprensione gli sviluppi della situazione riguardanti il crollo del PonteMorandi”.

UC Sampdoria: “Senza parole…”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.