IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - L'Angolo dei Curiosi

Azione/reazione: il mondo di Caparezza

"L'Angolo dei Curiosi" è la rubrica per chi è desideroso di vedere, ascoltare, conoscere: ogni giovedì con Daria Croce e Giulia Grenno

Più informazioni su

“L’Angolo dei Curiosi” è la rubrica di IVG a cura di Daria Croce e Giulia Grenno per chi è desideroso di vedere, ascoltare, conoscere, ritrovarsi o dissentire.
A Daria e Giulia piacciono il profumo dei libri, il rumore della puntina che tocca il vinile, il buio in sala quando sta per iniziare un film, l’odore delle cartolerie, il ticchettio della macchina da scrivere, i ritratti in bianco e nero, le prospettive diverse, fermarsi col naso all’insù.
Se ti piace almeno una di queste cose, prenditi una pausa insieme a noi.

Michele Salvemini è un bambino degli anni Settanta appassionato di musica, proprio come me che mi facevo prendere in braccio da mio fratello per guardare l’album di figurine dei cantanti.

Da più grande studia ragioneria, anche se il suo sogno era fare il fumettista. Quasi come me, che ho fatto lo scientifico, ma con la mente e il cuore sempre alla chitarra e alla musica.

Dopo il diploma, Michele inizia a scrivere canzoni e a capire che quella può essere la sua strada. Quel genere di illuminazione che a me fa subito simpatia.

Prende il nome d’arte di Mikimix che, però, nel giro di tre anni inizia a sentirsi un po’ stretto.

Per poter individuare la sua strada, chiarirsi le idee e ritrovare la sua identità, fa una cosa che a tutti è capitata almeno una volta nella vita: ritorna a casa, al suo paese.

Qui si chiude in garage per scrivere canzoni, cambia pelle, si fa crescere capelli e pizzetto e cambia nome. Ed è in quel momento che nasce Caparezza.

Pubblica il primo album, ma è con il secondo (“Verità supposte”) che arriva il successo, perché il singolo “Fuori dal tunnel” diventa il tormentone del momento.

Ma Caparezza un po’ si arrabbia, perché quel pezzo è contro il divertimento a tutti i costi, è l’esatto opposto dei programmi TV che cercano di trasmetterlo, stravolgendone completamente il significato.

Quella Capa di ricci si aggroviglia e decide di spiegare, attraverso questo fatto, come la comunicazione, regina della nostra società, riesca a distorcere completamente il senso di determinate parole.

Passano gli anni e altri quattro album quando, nel 2015, Michele si accorge di soffrire di acufene. Il fischio alle orecchie che rimane, per esempio, dopo un concerto o una serata in discoteca a volume più spinto. Il problema è che nel suo caso il fischio non se ne va più.

Caparezza attraversa un periodo di crisi, legato sia agli interrogativi che si pone come artista e rapper di 40 anni, con diversi dischi di successo alle spalle, sia a questo disturbo uditivo che lo ha colpito all’improvviso.

Ma, come ha ammesso lui stesso nel corso delle interviste, scatta il contraccolpo.

Il risultato è un disco decisamente più rock dei precedenti, frutto di un lavoro introspettivo e profondo, da cui viene estratto un singolo potente, con un testo che è un manifesto, un inno alla libertà: “Ti fa stare bene”.

Con questo settimo album (“Prisoner 709”), Michele gioca con la numerologia, 7 sono le lettere del suo nome e 9 quelle di Caparezza, 16 sono i brani (7+9), parole di 7 lettere si contrappongono a quelle di 9 (ragione/religione, graffio/cicatrice, servire/comandare).

Ma soprattutto riflette sul concetto di prigionia mentale e sull’isolamento, in cui lui stesso si è trovato a causa di questo disturbo invalidante all’udito.

“Prisoner 709” è davvero un album di reazione, per cui anche se negli anni non l’ho mai seguito molto, mi ha messo subito a tappeto. E credo andrò a vederlo il prossimo 21 agosto ad Alassio, perché, al di là dei generi musicali e dei gusti personali, mi piacciono gli artisti che cancellano le distanze, non hanno paura di mettersi a nudo e ti trasmettono la sensazione di essere tuoi amici.

“L’Angolo dei Curiosi” è la rubrica per chi è desideroso di vedere, ascoltare, conoscere, ritrovarsi o dissentire, ogni giovedì a cura di Daria Croce e Giulia Grenno: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.