IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, record di presenze per l’edizione 2018 di “Note di Notte nei Musei” e per l’evento “Musei a colori” fotogallery

Il presidente della Fondazione Oddi: "Poter offrire alla città uno spettacolo di primissimo ordine ripaga tutti noi degli sforzi gestionali fatti in questi anni"

Albenga. Duemila persone, questo il bilancio di presenze il 6 agosto in occasione di Note di Notte. Soddisfazione per la riuscita dell’evento espressa dall’assessore al turismo Alberto Passino che afferma: “Orgoglioso che Albenga in queste occasioni sappia dare il meglio di sé”.

In un Centro storico gremito di turisti, i più bei Palazzi cittadini e il Battistero si sono vestiti di luce per accogliere i molti visitatori intervenuti per l’occasione e dare loro un assaggio dell’eccellenza dei Musei ingauni, tra suoni antichi e colori. Quella sera, tra i tesori di Albenga vivi erano i musicisti che hanno incantato, vivo il pubblico che ne ha goduto, vivi i Musei, vivo l’intero Centro Storico. Obbiettivo centrato quindi per la Fondazione Gian Maria Oddi che, con l’ausilio quest’anno anche del Museo Diocesano, replica il successo delle passate edizioni. “Una edizione fortunata dunque – commenta il presidente della Fondazione Oddi, Alessandro Colonna – che dimostra, se mai ce ne fosse bisogno, che il flusso turistico di qualità in Albenga si attrae anche con la Cultura e che i Musei cittadini sono luoghi capaci di incantare anche coloro che già li conoscono.

Complice del successo la magistrale esibizione di Giovanni Doria Miglietta, clou della serata, oltre alle esibizioni di Gianna Williams, del duo Syrinx (Luca Sciri e Michele Menardi Noguera) e di Luca Soi. Oltre alla musica, a farla da padrona è stata la luce che ha guidato i visitatori tra i vicoli della città, slanciando le facciate, sottolineandone le forme austere e presentandole in un modo del tutto nuovo. “Per parte mia non posso che essere soddisfatto del successo dell’evento, per me del tutto inaspettato – afferma Colonna – Albenga quella sera era uno spettacolo meraviglioso capace di emozionare, un vero e proprio Museo a cielo aperto. Per tutto il consiglio di amministrazione della Fondazione la soddisfazione è stata doppia: infatti, aver risollevato l’Ente da un momento di difficoltà che durava ormai da troppi anni e che cubava circa 130.000 euro all’anno di passività e poter offrire alla città uno spettacolo di primissimo ordine ripaga tutti noi degli sforzi gestionali fatti in questi anni”.

“Credo che ora il lavoro non sia terminato, ma che anzi si debba continuare in maniera oculata all’insegna di una programmazione di qualità degna di Albenga, magari sviluppando nuove sinergie come quella con il Museo Diocesano – prosegue Colonna – Infine, a nome del CDA, oltre che mio personale, si rendono necessari diversi ringraziamenti: in primis i musicisti che hanno animato la serata con un’offerta musicale di altissima qualità e di grande interesse: Giovanni Doria Miglietta, Gianna Williams, il duo Syrinx (Luca Sciri e Michele Menardi Noguera) e Luca Soi. Chi ha illustrato dal palco la manifestazione, restando nei rigidi tempi imposti dalla scaletta (l’amico Stefano Mentil), chi ha illuminato la “Note di Notte” (Croce Service di Alassio), chi l’ha ornata di fiori (Caterina Usanna); chi, pur nell’affanno del calendario affollatissimo degli eventi estivi, non si è risparmiato per la buona riuscita della manifestazione: il personale del Comune di Albenga (ufficio tecnico ed ufficio turismo, particolarmente Andrea Bozza); chi ha garantito e governato gli ingressi in maniera impeccabile, ferma ma sorridente (i City Angels), il Direttore della Fondazione G.M. Oddi, Prof. Riccardo Badino per il suo contributo nella gestione generale dell’evento”.

“Ringrazio, inoltre, il Direttore del Museo Diocesano, Don Mauro Marchiano, e tutto lo staff (Elena Fossati e Gianmaria Mandara) che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa, aprendo la strada a future proficue collaborazioni per l’implementazione di una rete museale cittadina sempre più integrata e moderna. Tutto il personale dei musei, che ha fatto le ore piccole e quelle grandi per l’organizzazione e la gestione della serata, e da ultimo, seppur non in ordine di importanza, il Comune di Albenga e il pubblico che anche quest’anno ci ha premiati” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.