IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vigili del fuoco, Usb annuncia: “Rivoluzioneremo tavolo di conciliazione”

"La Liguria vive un primato che dovrebbe far riflettere la politica e la nostra amministrazione: si ritrova con una presenza di 1 soccorritore ogni 15260 abitanti"

Genova. “Rivoluzioneremo il tavolo di conciliazione del 18 luglio, in prefettura, con una atto che aprirà una forte discussione futura atta a costruire una vera protezione civile con i vigili del fuoco. Invitiamo la cittadinanza ed i lavoratori ad assistere al tavolo per comprendere quali difficoltà ci sono nella salvaguardia, previsione e protezione del territorio ligure”. Così Usb, il sindacato di base dei Vigili del Fuoco, reduce da un incontro con il Ministro del lavoro, Di Maio, annuncia che porterà al tavolo della Prefettura di Genova proposte “rivoluzionarie”

Il sindacato, però parte dai numeri e dalla situazione, a dir poco drammatica, della nostra regione e, sopratutto, di Genova. “La Liguria vive un primato che dovrebbe far riflettere la politica e la nostra amministrazione – spiegano – e invece si ritrova con una presenza di 1 soccorritore ogni 15260 abitanti durante i periodi di bassa affluenza turistica mentre nei periodi caldi la media si innalza di circa il 17%. Una terra che analizzata dall’istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale risulta nei primi posti a livello nazionale su indice di mortalità in caso di frane e alluvioni e il 100% di comuni a rischio frane”.

In questo scenario – prosegue il documento – il capoluogo scende anche a 55 unità con 860000 abitanti e costringe la riduzione in tutte le sedi con conseguenze importanti nella tempistica di soccorso. Basto pensare che le squadre quando escono con le sirene devono fermare il mezzo e chiudere le porte in quanto sguarnite di uomini che prima svolgevano di supporto telefonico con il responsabile della squadra e da vigilanza della sede, in soldoni si perdono almeno tre minuti nel soccorso e si perde un supporto in sede”.

Infine il sindacato presenta i numeri, drammatici, del corpo: “Mezzi circa 20 anni, età media di circa 50 anni, una sede ogni 300 kmq e uno stress correlato che viene alimentato da caserme in degrado esenti da manutenzione non antisismiche, assolutamente inadeguate a ricevere le “vigilesse”, un salario vergognoso che arriva da un contratto marchetta firmato da tutte le ooss tranne noi con il governo uscente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.