IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Privatizzazione ospedali, 3 le offerte presentate alla Regione: c’è il Policlinico di Monza foto

Oggi alle 12 è scaduto il termine per le offerte sulla gestione degli ospedali di Albenga, Cairo e Bordighera

Albenga/Cairo Montenotte. Non è andato deserto il bando per la privatizzazione di tre ospedali del ponente savonese, quello di Bordighera, Albenga e Cairo Montenotte, secondo il piano messo in atto dalla Regione che aveva pubblicato un bando per l’ingresso dei privati: la scadenza per la presentazione delle domande era fissata per oggi, alle ore 12:00.

Il termine ultimo per la presentazione delle offerte era stata fissata per l’11 giugno, ma in seguito è slittata al 3 luglio, oggi, per consentire una più ampia partecipazione possibile.

Ad ora massimo riserbo sui partecipanti e i nomi della sanità privata che hanno formalizzato la loro manifestazione d’interesse per la gestione degli ospedali, secondi i termini e parametri stabiliti dal bando stesso. Stando a quanto trapelato certa la presenza del Policlinico di Monza, che già gestisce l’ortopedia privata del nosocomio albenganese, tuttavia in corsa ci sarebbero almeno altri tre soggetti della sanità privata nazionale: in tutto, quindi, sono tre le offerte pervenute alla Regione.

Ora la procedura amministrativa passa nelle mani del SUAR – Settore Affari Generali Via Fieschi -, che stabilirà il giorno dell’apertura ufficiale delle buste: solo allora verranno rese note a livello pubblico le singole offerte presentate. La Stazione Unica Appaltante Regionale provvederà a nominare la commissione giudicatrice, composta da esperti del settore.

Nominata la commissione, si individuerà la data della prima seduta pubblica in cui verranno aperte le offerte, presumibilmente nella seconda metà di luglio. Seguiranno altre sedute secondo il calendario fissato dalla commissione. Al termine dell’iter verrà stilata la graduatoria finale.

L’avviso pubblico della Regione Liguria era stato pubblicato il 23 febbraio scorso, non senza polemiche da parte sindacati e sindaci che si sono battuti contro la privatizzazione dei rispettivi nosocomi territoriali, chiedendo garanzie su servizi sanitari e occupazione.

Il bando prevede la gestione in regime di concessione dei tre presidi, per una durata di sette anni, prorogabili per ulteriori cinque. Due i lotti: uno per l’ospedale Saint Charles di Bordighera, per il quale sarà la Asl1 Imperiese a stipulare il contratto con il privato aggiudicatario, e l’altro per gli ospedali Santa Maria della Misericordia di Albenga e San Giuseppe di Cairo Montenotte, per cui il contratto sarà stipulato dalla Asl2 savonese.

Nonostante lo slittamento della scadenza per la presentazione delle domande e salvo imprevisti strada facendo, la gara dovrebbe essere aggiudicata entro il prossimo autunno, con la firma del contratto tra la Asl competente per territorio e il soggetto privato vincitore del bando di gara.

Secondo le stime previste la riapertura dei tre Pronto soccorso potrà avvenire entro la prima metà del 2019.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ulisse

    Sono francamente stufo delle disinformazione sanitaria alimentata anche dai giornali che non svolgono alcun approfondimento sulla dinamica riguardante l’affidamento a privati della gestione sovrattutto degli ospedali di Cairo ed Albenga.Non verranno riaperti i Pronto Soccorsi semplicemente perchè non sono mai stati chiusi. E’solo cambiato il Cartellone all’ingresso che attualmente recita Punto di Primo Intervento. Modificheranno nuovamente la cartellonistica ma non la sostanza delle prestazioni.