IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le associazioni di IVG.it - ARCI Savona

Informazione Pubblicitaria

Oggi e domani al NuovoFilmStudio di Savona: L’amore secondo Isabelle (Un beau soleil intérieur)

Più informazioni su

L’amore secondo Isabelle (Un beau soleil intérieur)
di Claire Denis, con Juliette Binoche, Gérard Depardieu, Valeria Bruni Tedeschi – Francia 2017, 94′

Film vincitore del Prix SACD alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes 2017.

mar 03 luglio (21.15)
mer 04 luglio (21.15)

Isabelle è una pittrice divorziata, con un figlia di dieci anni. Aspetta che la sua vita venga riempita da un amore. C’è un banchiere eccentrico, che prima la seduce e poi le assicura che non lascerà mai la moglie. C’è un attore, forse. O forse un uomo conosciuto per caso,
lontano dall’ambiente delle sue solite frequentazioni. Cosa fa, Isabelle, quando non è innamorata? “Niente”, dice lei, ma in realtà s’illude, spera, dubita, desidera, balbetta, piange, ama…

Parigina, classe 1946, Claire Denis è considerata da circa vent’anni una delle voci più originali del panorama europeo. A partire dal suo debutto “Chocolat”, la Denis è diventata l’alfiera di un cinema costruito per sottrazione, essenziale. Nel film piùfrancese di tutti i suoi film francesi, Denis prende ispirazione da “Frammenti di un discorso amoroso” di Roland Barthes per costruire una riflessione sull’eros e i sentimenti attraverso gli incontri e le passioni di Isabelle, una splendida Juliette Binoche, cinquantenne madre e divorziata alla continua ricerca dell’amore, quello vero. Fanno da sfondo la vita e il respiro di Parigi con i suoi rumori e le sue luci. Isabelle èuna donna di grande fascino ma la sua attenzione per l’altro sesso va di pari passo con un senso di frustrazione e smarrimento. Il suo girare a vuoto, accumulare per poi passare oltre, fornisce un ritratto psicologico efficace attraverso incontri e dialoghi. Isabelle si sente fragile, eppure il suo personaggio comunica vitalità, curiosità, capacità di mettersi in discussione. La Binoche offre pezzi di sé, passa dal pianto al riso, dall’ironia all’incredulità come un raggio di sole, mettendosi interamente in gioco al servizio del film, che vive e brilla attraverso di lei. Un’opera raffinata e sensuale, ulteriormente impreziosita dalla presenza di Gérard Depardieu e Valeria Bruni Tedeschi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.