IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano: il Comune revoca concessione alla Marinella, ma il Consiglio di Stato accoglie sospensiva

Questa mattina presto i sigilli, poi la sentenza del tribunale che consente di proseguire l'attività fino alla fine di agosto

Più informazioni su

Loano. Questa mattina i sigilli, ma poi il colpo di scena dell’accoglimento da parte del Consiglio di Stato del ricorso presentato dal locale e dalla spiaggia loanese.

La vicenda riguarda “La Marinella” di Loano, sul quale era incombente una azione ingiuntiva di carattere amministrativo per i mancati versamenti della concessione demaniale, una lunga vertenza che ha costretto l’amministrazione comunale loanese ad intervenire, con la polizia municipale e la Guardia Costiera.

Secondo quanto appreso “La Marinella” non ha pagato sei annualità di concessione, con un debito accumulato di diverse migliaia di euro. Ciò aveva spinto l’amministrazione comunale loanese, due mesi fa, a far decadere la concessione demaniale. Dal canto suo, i gestori avevano a loro disposizione 60 giorni per sgomberare l’area demaniale. I termini sono scaduti domenica scorsa e perciò questa mattina gli uomini della polizia municipale sono intervenuti nello stabilimento balneare per liberare l’area e sequestrare ogni oggetto che l’occupasse, in violazione di quanto previsto dal codice della navigazione (che appunto vieta di occupare aree demaniali pubbliche).

Ovviamente i gestori, per salvare la stagione ed evitare la chiusura dell’attività proprio in estate, all’indomani della decadenza della concessione demaniale si erano immediatamente rivolti al Tar chiedendo la sospensione del provvedimento. Avendo ottenuto parere negativo, i gestori si sono poi rivolti al Consiglio di Stato, depositando ieri una seconda richiesta di sospensiva.

Questa mattina è stato comunicato che questa seconda richiesta è stata accolta dal Consiglio di Stato, che ha voluto riconoscere come valide le ragioni presentate dai gestori. La sospensiva sarà valida fino al 30 agosto, quando verrà discussa nuovamente la questione.

La vicenda, tuttavia, non mancherà di avere ulteriori sviluppi. In particolare, al termine della proroga stabilita in sede giudiziale, ci sarà da verificare la situazione finanziaria in merito ai debiti accumulati negli anni nei confronti del demanio marittimo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.