IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - Per un Pensiero Altro

La filosofia dello struzzo

Per un Pensiero "Altro" è la rubrica filosofica di IVG: ogni mercoledì, partendo da frasi e citazioni, tracce per "itinerari alternativi"

Più informazioni su

Perchè non provare a consentirsi un “altro” punto di vista?
Senza nessuna pretesa di sistematicità, ma con la massima onestà intellettuale, il curatore, che da sempre ricerca la libertà di pensiero, ogni settimana propone al lettore, partendo da frasi di autori e filosofi, “tracce per itinerari alternativi”. Per quanto sia possibile a chiunque, in quanto figlio del proprio pensiero.

“Non siamo struzzi, e non possiamo credere che se non guarderemo, ciò che non vogliamo vedere non esisterà più”. Tutelati dal prestigio del vecchio leone, Tolstoj, facciamo riferimento ad un antico luogo comune il quale assicura che gli struzzi, in presenza di un pericolo, eliminino l’angoscia infilando la testa sotto la sabbia.

Il senso dell’azione consiste nel risolvere il problema negandolo, insomma, se non vedo il pericolo di certo non posso aver paura. Intanto preciso, per i soliti pignolini e per gli esperti ornitologi o struzzologi di turno: so bene, io come gran parte dei lettori, che si tratta di una leggenda zoologica, che nessuno struzzo pratica una simile strategia, infatti, un comportamento così imbecille è messo in atto da un alto animale: l’uomo.

Qualche esempio? Ecco: la nostra relazione è in crisi da tempo? Ma no, è un momento di stanca, nessun problema, arriveranno le vacanze, faremo un bambino, aumenterà lo stipendio… l’apparato politico che ci governa è un’associazione ad imbecillare? Ma no, vedrai con il prossimo governo, le prossime votazioni, il prossimo movimento… la nostra civiltà agonizza nel vuoto più nullificante? Ma no, è una rivoluzione valoriale, già si profila una prossima palingenesi, toccato il fondo inevitabilmente si risale… esattamente ciò di cui stiamo parlando: la filosofia dello struzzo.

Credo che a questo punto sia chiaro per chi mi sta leggendo il senso della filosofia in questione, ma riflettiamo con un pizzico di autoironia: quando lo struzzo, e abbiamo chiarito di chi stiamo realmente parlando, una volta di fronte al nemico decide di infilare la testa sotto la sabbia, inevitabilmente lascia ostentatamente scoperta un’altra parte del corpo, è lecito supporre che, se il nemico decidesse di approfittarne, sarebbe ben difficile impedirglielo anche perchè la postura rischia di essere intesa come un esplicito invito. Ebbene, ciò che accade lo lascio all’intuito del lettore, quello che è doveroso chiedersi è se il risultato sia: doloroso? Atteso? Temuto? Condiviso dalla stragrande maggioranza dell’umanità tanto da essere definito normale?

Mi lascio tempo e spazio in un’altra occasione per riflettere sul concetto di normale, per ora basti dire che la saggezza, figlia dell’esperienza o della vigliaccheria decida il lettore, ci insegna come si sta al mondo e, dato che le cose sono sempre andate così, suggerisce non di evitare di infilare la testa nella sabbia, piuttosto di rendere l’attività che si consuma alle nostre spalle meno traumatica possibile e, nel caso, addirittura piacevole. Ecco che interviene ciò che potremmo definire un genere di logica lubrificante. Ma come e dove la si acquisisce? Da secoli di pedagogia e celebrazione della capacità di adattamento, dalle scuole materne all’università; da troppa mediocre letteratura; dalla latitanza di pensiero e cultura soppiantate da banalità del genere è qui la festa?

L’elenco potrebbe divenire interminabile ma ogni intelligente e critico lettore ha ben compreso a cosa mi sto riferendo, insomma: che ne dite di sollevare lo sguardo e fissare negli occhi il nemico? Certo, se quello che desidero è che mi attacchi alle spalle, nessun giudizio manicheo al riguardo, solo si spera che chi lo desidera lo faccia consapevolmente e senza remore, gli altri, quelli del no, ebbene, possono fissare lo sguardo negli occhi del nemico e, serenamente, dirgli: non sono e non sarò mai uno struzzo.

Per un Pensiero Altro è la rubrica filosofica di IVG, a cura di Ferruccio Masci, in uscita ogni mercoledì: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.