IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Bogliolo racconta: dall’argento di Tarragona a Berlino, sognando Tokyo

Luminosa Bogliolo, atleta del Cus allenata da Ezio Madonia, racconta le sensazioni dell'argento ai Giochi del Mediterraneo e disegna il futuro

Savona. Luminosa Bogliolo torna con una medaglia al collo dai Giochi del Mediterraneo di Tarragona: suo l’argento nei 100 metri a ostacoli, a un passo dall’oro.

Classe ’95, nata ad Albenga, si allena con Ezio Madonia, già semifinalista mondiale a Tokyo nel 1991, due bronzi europei e uno mondiale con la staffetta in carriera. Anche da qui la determinazione di Luminosa che, nonostante l’ottima prestazione, ha anche una punta di amarezza: “Sono felicissima dell’argento, anche se non nascondo che dopo la batteria puntavo solo all’oro – spiega la Bogliolo a Ivg.it – in finale sono partita molto bene, forse anche con intervalli migliori di Savona, ma spingendo tanto mi sono trovata sotto il sesto ostacolo e l’ho preso in pieno. Ho perso velocità e posizioni: da lì ho rimontato, ma non nascondo che un po’ di rammarico c’è”.

L’atleta del Cus Genova, che ha strappato un personale fantastico al meeting Città di Savona con il 12”99 che le vale anche il minimo per gli Europei di Berlino di agosto, è tornata da Terragona con uno stiramento ma ha ancora delle tappe per questa stagione: “spero di rimettermi in forma per gli Europei, ma dovrò andare a basso regime per due settimane – spiega la Bogliolo – non nascondo l’agitazione, perché speravo di arrivarci in ottima forma. Farò tutto il possibile”.

La giovane azzurra non intende fermarsi a Berlino, anche se quello è il suo obiettivo principale: “Sarà una stagione lunghissima, con gli Assoluti a settembre – aggiunge – mi fermerò per una settimana, poi cercherò di tornare in forma per l’appuntamento italiano”.

Poi ci sono i sogni del futuro, i mondiali di Doha nel 2019 e i Giochi olimpici di Tokyo nel 2020: “Se mi guardo indietro di due anni, tutto questo sembrava impossibile, come quel tempo a Savona, la medaglia ai Giochi del Mediterraneo e il pass per gli Europei – aggiunge sorridente Luminosa Bogliolo – ma stanno cambiando tante cose: i Giochi sono il sogno di qualunque atleta e per Rio 12”99 era proprio il minimo… cercherò di migliorarmi e divertirmi per esserci anche lì“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.