IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Edizione esaltante del Trail del Burot

Tanti arrivi in volata e molte emozioni in una manifestazione sempre viva e suggestiva che è stata "impreziosita" anche da una nebbia suggestiva.

L’arrivo del mese di luglio coincide ormai da ben 36 anni con il Trail del Burot e il conseguente “fratello minore” ovvero il Giro omonimo. Due gare dai contenuti atletici importanti, ma differenti con il percorso principale da 25 km contro i 10 di quella che viene definita, forse fin troppo facilmente, family run. 

In ogni caso si tratta di una delle manifestazioni più suggestive del panorama podistico ligure e non solo con la partenza da Altare, punto di congiunzione fra l’Appennino e le Alpi, un ideale nodo fra mare e monti. Giornata di gara contraddistinta da un clima particolarmente umido che ha contribuito alla formazione di una nebbia sicuramente di grande effetto specie all’interno del bosco, ma l’organizzazione a cura della Croce Bianca di Altare con il contributo del Comune, ha svolto un buon lavoro segnando il tracciato ed evitando “dispersi”.

Motivo in più per partecipare, lo scopo benefico della gara, con l’incasso ottenuto dalle iscrizioni, girato all’ente di primo soccorso che lo impiegherà per l’acquisto di una nuova ambulanza. La gara più lungo ha visto vincere Simone Aresta che ha fermato il cronometro sul tempo di 2h12’16”, mettendosi alle spalle quindi gli altri 47 runners che non sono riusciti a tenere il passo del classe ’79. 

Secondo posto per Silvio Pesce, che resta staccato di 2’ esatti dal primo e lotta con Luca Diego Dani per l’argento, spuntandola alla fine per soli 12”.

Quarto posto che non brucia più di tanto a Giuseppe Lo Bartolo. Netto il distacco dai primi tre, ma anche da Devid Greco che lo segue al quinto posto staccato di oltre un minuto. Quest’ultimo ha la meglio per 3” su Marco Pavone che chiude al sesto posto. Seguono Federico Gallo, Albino Accame, Giovanni Pesce e Michele Calcagno che con il tempo di 2h22’58” è il decimo assoluto.

Prima delle donne è Samantha De Stefano che è 15^ nella classifica generale in 2h31’49”. Tempo più che soddisfacente e bastante per mettersi alle spalle le pretendenti alla vittoria come Federica Meissent e Simona Piasentin. Le due podiste restano dietro oltre 17’ rispetto alla vincitrice, ma danno vita ad un  confronto entusiasmante conclusosi con una volata che premia la Meissent per un solo secondo.

Passando alla 10 km, come si diceva forse la definizione di “family run” è stata data con un po’ di superficialità, visto che la competizione c’è stata eccome. Sostanzialemente infatti, il traguardo è stato tagliato contemporaneamente da tre corridori: Tiziano Barbieri, Andrea Borella e Andrea Verderame. Tutti e tre hanno fermato il tempo sui 59’27” salendo così sul gradino più alto del podio. Un arrivo, quindi in volata e molto lontano dall’idea di tranquillità che evoca la family run.

Quarto posto per Davide Oliveri che non riesce a tenere fino alla fine il passo dei tre battistrada e chiude in 1h02’55”. Poco dietro Michele Panelli che precede la vincitrice femminile, Sabrina Barbieri la quale riesce negli ultimi metri ad allungare in maniera decisiva sulla rivale di giornata, Carlotta Rei. 1h04’22” il tempo della Barbieri, contro 1h04’38” della Rei. Insomma un arrivo tutt’altro che privo di emozioni anche per le donne. 

Seguendo la classifica, troviamo poi all’ottavo posto Ermanno Berruti, seguito da Andrea Pedemonte e Stefano Biale che chiude la top ten. Combattuto anche il terzo posto con lo sprint finale fra Andreina Rusca e Silvana Bozzone e vinto dalla prima che conclude in 1h22’40”: appena un secondo in meno dell’avversaria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.