IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Centri Salute, Parascosso: “Difendere il presidio di Alassio, anche affidando la gestione con una gara”

"Condivido l’intenzione dell’amministrazione Melgrati di garantire la sopravvivenza dei centri salute"

Alassio. Ha ottenuto la “sponda” del capogruppo di “Alassio Volta Pagina” Giovanni Parascosso la decisione dei sindaci di Alassio e Laigueglia di organizzare un vertice con la direzione generale dell’Asl2 savonese a proposito dei centri salute delle due cittadine rivierasche.

“Apprendo con soddisfazione e condivido l’intenzione dell’amministrazione Melgrati di garantire la sopravvivenza dei centri salute tutelando i servizi dagli stessi erogati alla cittadinanza sul territorio – dice Parascosso – Il gruppo ‘Alassio Volta Pagina già in campagna elettorale aveva manifestato la contrarietà alla paventata chiusura del centro Alassio Salute e al ridimensionamento dei servizi resi alla cittadinanza; per quanto di competenza comunale ci eravamo impegnati al mantenimento e alla difesa del presidio nei confronti degli enti interessati, nell’interesse principale dei pazienti fruitori. Mi chiedo peraltro per quale motivo non si voglia intraprendere la strada già seguita con buon esito dal Comune di Finale Ligure, e in itinere dal Comune di Loano, le cui amministrazioni hanno indetto procedure ad evidenza pubblica per l’attribuzione dei relativi servizi”.

“Ritengo che non si possa prescindere da tale passaggio di pubblicità e concorrenza anche per andare a rivedere l’’impianto giuridico’ che ad avviso dell’assessore delegato dovrebbe permettere ‘ai soggetti pubblici, ossia l’Asl e il Comune una partecipazione contributiva dei servizi aggiuntivi resi dai medici rispetto alla convenzione nazionale’. Mi auguro inoltre che l’ente titolare della funzione sanitaria, ossia la Regione, voglia dare seguito alle parole del suo presidente che lo scorso 29 maggio, proprio in visita al quartiere della Fenarina di Alassio, si era così espresso: ‘I centri salute non chiuderanno. Resteranno aperti, ma nella cornice che le leggi del nostro Stato impongono ovvero le leggi della competitività, della concorrenza e della non discriminazione attraverso un percorso di affidamento e gara che continuerà a fornire ai cittadini servizi puntuali, efficienti e di prossimità come sono i centri salute senza che qualcuno debba inutilmente spargere veleni e paure totalmente inesistenti’ aggiungendo: ‘Noi siamo tranquilli su tutto e altrettanto dovrebbero essere i cittadini di Albenga e Alassio. Abbiamo intrapreso, e stiamo portando avanti, questo percorso fatto di gare, competitività e privatizzazione di taluni servizi con l’obiettivo unico di garantire maggiori servizi a tutti i cittadini, al contrario della precedente amministrazione regionale, che ha operato solo tagli alla sanità per i cittadini liguri’”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.