IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Accusato di aver abusato della figlia della compagna: condannato a 5 anni

Dopo il contatto fisico, l'uomo avrebbe sviluppato una sorta di morbosa ossessione verso la ragazzina

Più informazioni su

Savona. Cinque anni di reclusione. E’ la condanna inflitta questa mattina dal giudice Francesco Meloni nei confronti del quarantaduenne arrestato nell’ottobre scorso con la gravissima accusa di aver abusato sessualmente della figlia di 14 anni. L’uomo, che nel frattempo è agli arresti domiciliari (lontano dalla Liguria), aveva scelto di essere giudicato con il rito abbreviato.

Secondo la contestazione della Procura, gli abusi erano avvenuti nel giugno del 2017: in un primo momento la ragazzina non avrebbe trovato il coraggio di raccontare a nessuno quanto successo, ma poi si sarebbe confidata con la zia e successivamente con la madre. A quel punto era scattata la denuncia che, dopo una serie di accertamenti investigativi (coordinati dal pm Chiara Venturi), avevano portato all’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere per violenza sessuale aggravata firmata dal gip.

All’uomo veniva contestato di aver avuto, in due occasioni, un approccio fisico con la figlia che in un caso sarebbe sfociato in un rapporto completo. Dopo gli abusi, tra l’altro, il quarantaduenne (che non è il padre biologico della presunta vittima, ma lo è a livello legale) avrebbe sviluppato una sorta di morbosa ossessione verso la ragazzina.

In particolare, sempre secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l’uomo avrebbe iniziato ad essere possessivo nei confronti della ragazzina, quasi come un’amante geloso, finendo per controllarle il telefono, il modo in cui si vestiva e gli amici che frequentava. In alcuni casi si sarebbe presentato anche vicino alla scuola frequentata dalla figlia.

Una situazione che, con il passare dei giorni, sarebbe stata sempre più pesante da sopportare per la quattordicenne nonostante lei cercasse in tutti i modi di evitare i contatti con in padre. Di qui la scelta di raccontare quello che era successo e, poi, di denunciare di aver subito gli abusi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.