IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Progetto “Crescere Insieme”: sinergia importante fra le scuole Pertini e “Il Faggio”

Ha lo scopo di creare un ambiente accogliente ed inclusivo in cui alunni normodotati e diversamente abili svolgono assieme attività alternative comuni

Savona. “Un progetto sociale, sportivo ed educativo”. E’ questo il cardine di “Crescere Insieme”, previsto dal Piano triennale dell’offerta formativa (Ptof) dell’ I.C. Savona II – “S. Pertini”. Lo spirito di fondo è quello dell’apertura e della conoscenza di diverse attività, come ad esempio: vela, roccia, scherma, canoa, horse therapy ed escursionismo (quest’ultimo con una valenza culturale e di scoperta storica, perché le uscite sono svolte nel territorio di Noli).

“Crescere Insieme” è un progetto di ampio respiro, che per il terzo anno ha visto coinvolte le insegnanti delle classi medie “Carando” e “Pertini” e delle primarie “Mameli” e “Colombo” in una piattaforma di iniziative che integrano la didattica con attività alternative di tipo operativo. Lo scopo di tutto questo è quello di creare un ambiente accogliente ed inclusivo, in cui alunni normodotati e diversamente abili convivano svolgendo assieme attività alternative comuni.

Tutto questo è stato possibile grazie all’impegno della Dott.ssa Patrizia Tinti, responsabile del progetto ed al supporto della collega Dott.ssa Anna Cavallo. Un ringraziamento particolare è doveroso anche nei confronti del Dirigente Scolastico Prof. Domenico Buscaglia, per aver appoggiato e sostenuto negli anni queste attività di integrazione tra mondo della scuola e mondo sociale/sportivo.

“Una costruzione di sinergie e complementarietà che ha dato importanti frutti, come accaduto ad esempio con la Cooperativa Il Faggio per quel che riguarda l’ippoterapia. Un’attività importante, che Il Faggio praticata da anni con passione e costanza, grazie alla quale le persone imparano ad interagire col cavallo rispondendo autonomamente agli stimoli provenienti dai suoi movimenti. È stata proprio questa esperienza nuova e comune fra i ragazzi che ha costituito l’elemento di fondo su cui “costruire” inclusione, socialità, miglioramento delle attività psicomotorie, interazione e collaborazione” spiegano dalla cooperativa.

“Si è incominciato con il ‘passo’, come andatura di elezione, con lo scopo di raggiungere per step diversi obiettivi neuro/motori. Questa attività è stata entusiasmante ed ha consentito, attraverso la percezione dei movimenti del cavallo, di creare le basi empatiche per l’apertura di un canale comunicativo interattivo fra partecipanti/operatori/insegnanti. Il team del Faggio, in anni di lavoro, ha visto anche risultati incredibili, questo a dimostrazione che l’Ippoterapia è una realtà molto importante, con enormi potenzialità e soprattutto che porta a risultati davvero sorprendenti. Le uscite didattiche si sono svolte presso il ranch ‘San Giorgio’ nella Valle di Vado con cadenza mensile” concludono dal Faggio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.