IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - Rosso Pistacchio

Pollicina, la donna cannone

"Rosso Pistacchio" è la rubrica al femminile di IVG: ogni martedì si parla di donne con Marzia Pistacchio

Più informazioni su

“Rosso Pistacchio” è la rubrica di Marzia, che ama definirsi “una truccatrice struccata”. Uno spazio al femminile dal taglio volutamente “leggero” in cui parlare a 360 gradi di tutto ciò che ruota intorno alle donne. In salsa savonese, naturalmente, e con le illustrazioni create “ad hoc” da Giusy Ghioldi.

Pantaleo Sciancalepore era un uomo dal forte senso dell’umorismo. Un uomo buono, semplice, con quel guizzo animalesco di furbizia felina che è tipica di chi se la cava sempre in ogni situazione. Pantaleo Sciancalepore amava bere, fumare, fare all’amore e ridere. Era un gran barzelettaio, uno di quelli che tiene col bicchiere sospeso a mezz’aria tutto il bar del centro, in attesa del fragoroso finale di una sua storiella.

E fu proprio per amor di barzelletta che, dopo 24 ore di parto, reagì davanti alle carni squarciate della povera moglie, e al prosciuttino urlante di otto chili che aveva appena prodotto, battezzando la bambina col bizzarro nome di ‘Pollicina’.

Policina Scancalepore parve prendere inconsapevolmente atto di quel diminutivo e si impegnò per tutta l’infanzia e l’adolescenza a disconoscerlo con tutta se stessa.
Non c’era nulla di piccolo in Pollicina.
La bocca era grande.
La pancia era grande.
La fame era grandissima.

Pantaleo Sciancalepore perse la voglia di barzelettare e di far ridere, cercando di soddisfare la fame inesauribile della amata Pollicina, che ogni giorno lo attendeva a casa, pigolando e berciando come un uccellino in attesa del vermetto, e lo spogliava e perquisiva come una donnola, cercandogli nelle tasche un uovo sodo, o un biscotto stallito, o un pezzo di lardo stagionato.
Pollicina Sciancalepore cresceva e mangiava, mangiava e cresceva.
Pantaleo diventava sempre più povero e Pollicina sempre più grassa.

A quindici anni se ne stava tutto il giorno seduta su una poltrona mezza sfondata, a ingoiare panzerotti e supplì, e a leccare l’olio che le colava lungo i gomiti adiposi.
Al povero padre rimanevano le briciole che andava a cercare di notte rovistando, mentre Pollicina dormiva, tra le pieghe della ciccia del collo, del seno e della trippa lardosa.
Mille lire.
Una banconota sola. Nuova di zecca. Frusciante come un prato di castagni in autunno, profumata come una bella donna in un bordello, maledetta come la casa del diavolo.

Mille lire offrì il direttore del circo al povero Pantaleo Sciancalepore per acquistare la sua adorata, opulenta, enorme figlia.
Mille lire per quelle cosce lardose, gli occhi a fessura, la bocca a cuore, il petto procace e i piedini da maialino da latte.
Mille lire per quella figlia adorata, amata, voluta, desiderata.
Mille lire per quella figlia famelica, per quella bocca mai soddisfatta, per quegli occhi arzilli, vivi, e sempre questuanti.
Mille lire per ricoprirla di ridicolo e pailettes, per caricarla su un carro di notte, mandarla per il mondo, vestita di piume e stecche di balena, a mostrare ai curiosi quanto è grassa Pollicina la donna cannone.
Pantaleo Sciancalepore aveva poche ore per decidere.
E anche voi…

La rubrica Rosso Pistacchio di questa settimana è a finale aperto: sarete quindi voi lettori a scegliere come dovrà continuare la storia di Pollicina votando sulla pagina Facebook di IVG.it:

.

“Rosso Pistacchio” è la rubrica al femminile di IVG, ogni martedì a cura di Marzia Pistacchio: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.