IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le associazioni di IVG.it - ARCI Savona

Informazione Pubblicitaria

Nel weekend al NuovoFilmStudio di Savona il film “Cosa dirà la gente” (Hva vil folk si)

Più informazioni su

Cosa dirà la gente (Hva vil folk si)
di iram Haq, con Maria Mozhdah, Adi Hussain – Norvegia/Germania/Svezia 2017, 106’

ven 4 maggio (18.00 – 21.15)
sab 5 maggio (17.30 – 20.30 – 22.30)
dom 6 maggio (15.30 – 17.30 – 20.30 – 22.30)
lun 7 maggio (15.30 – 20.30)

Oslo, la sedicenne Nisha vive una doppia vita. A casa con la sua famiglia è la figlia pakistana perfetta, ma quando è fuori con le sue amiche, si trasforma in una tipica adolescente norvegese. Un giorno viene sorpresa dal padre a letto con il suo fidanzato, e, a quel punto, i mondi separati della ragazza entrano brutalmente in conflitto fino al suo trasferimento forzato in Pakistan…

“Cosa dirà la gente” mette in scena perfettamente il contrasto culturale e sociale tra l’occidente e l’oriente. Il ruolo famigliare, centrale nel film, si mostra il contrario di ciò che dovrebbe in realtà essere secondo la società e cultura occidentale: non è un nido d’amore, un luogo di protezione per Nisha, ma tutt’altro, è una prigione che non le permette di vivere come vorrebbe e come dovrebbe. Il rapporto della protagonista, interpretata da una bravissima ed emergente Maria Mozhdah, con suo padre, interpretato da Hadil Hussain, è tangibilmente morboso e paradossale. Il genitore, rigido e severo nelle sue concezioni culturali, dimostra un amore malato verso una figlia che, pian piano, vede scivolare via anche quella libertà di pensiero che porta questi paesi a creare una forte gerarchia anche, e soprattutto, in base al sesso. La donna non ha potere, non sceglie ed è sottomessa. Il film racconta un singolo episodio che, tuttavia, è manifesto di molti altri che quotidianamente accadono nel mondo. La regia emozionale di Iram Haq ci ricorda quanto il suo lavoro sia vicino alla sua esperienza privata: “non sapevo come raccontare questa storia e ho voluto attendere di avere il coraggio per poterlo fare. Questo film è molto ispirato alla mia esperienza, ma non interamente. Purtroppo questa vicenda, ancora reale al giorno d’oggi per numerose ragazze in Norvegia e altrove nel mondo, parla di controllo sociale, dell’essere intrappolati in ciò che gli altri pensano e sentono e le conseguenze su di te. Al tempo stesso è la storia d’amore tra un padre e una figlia in conflitto perché appartengono a due mondi differenti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.