IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Mioglia nasce il progetto Girotondo: aggregazione e socializzazione in zone decentrate

Il progetto si svolge il lunedì e il giovedì pomeriggio

Più informazioni su

Mioglia. Su proposta del Comune ed in collaborazione con l’Ambito Sociale Territoriale, l’Istituto Comprensivo di Sassello e la Cooperativa “Progetto città”, nasce il progetto “Girotondo”.

“A febbraio 2017, l’Ambito Sociale e la Cooperativa Sociale gestori del Centro di Aggregazione ‘L’Arcobaleno’ hanno osservato un preoccupante declino delle presenze – spiegano dall’amministrazione – Alla luce di ciò si è ritenuto opportuno rivedere la tipologia del servizio proposto nel Comune di Mioglia. L’amministrazione comunale, chiamata a valutare una modifica del servizio, ha ideato e proposto il progetto Girotondo, condiviso successivamente con l’Istituto Comprensivo del Sassello e la Cooperativa ProgettoCittà che si sono dichiarati disponibili a collaborare”.

Il progetto, partito in forma sperimentale ad aprile e previsto fino a giugno, è volto a favorire l’aggregazione e la socializzazione in zone decentrate e carenti di attività per i giovani. “La collaborazione con la pluriclasse della Scuola Primaria ha la finalità di supportare la didattica soprattutto durante i lavori di gruppo, permettendo di migliorare la qualità dei servizi erogati e altresì di far emergere le peculiarità del singolo – spiegano dal Comune – Il doposcuola, oltre a dar supporto nello svolgimento dei compiti, ha lo scopo di educare al gioco, al vivere in gruppo ed allo stimolo della creatività e fantasia”.

Il progetto trova attuazione il lunedì dalle 15 alle 16.30 ed il giovedì dalle 14.30 alle 16.00 sotto forma di cooperazione e collaborazione con gli insegnanti della Scuola Primaria, mentre il lunedì dalle 16.30 alle 18 ed il giovedì dalle 16 alle 17.30 come doposcuola aperto a tutti i ragazzi della Scuola Primaria e Secondaria di primo grado, anche non iscritti al plesso scolastico di Mioglia.

Durante la prima parte, un’educatrice collabora con gli insegnanti della Scuola Primaria allo scopo di realizzare lavori di gruppo ed altre attività didattiche rivolte ai bambini. La seconda parte, aperta invece a tutti, prevede un supporto nello svolgimento dei compiti, ma anche attività ricreative e ludiche.

“Si tratta di un progetto innovativo con cui si andrà a migliorare ulteriormente i servizi offerti alle famiglie ed ai ragazzi che frequentano le scuole di Mioglia – commenta il consigliere comunale Roberto Palermo – dimostrando ancora una volta come anche e soprattutto in realtà piccole come la nostra si possano portare avanti progetti inediti e di qualità, cercando di venire incontro il più possibile alle esigenze delle famiglie, offrendo loro un supporto ed un sostegno anche fuori dall’orario scolastico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.