IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La minoranza “boccia” il bilancio consuntivo 2017 di Quiliano

Da "Progetto Comune" rilevano che "l'avanzo di amministrazione ulteriormente aumentato": "Situazione voluta o casuale?"

Quiliano. “Come Gruppo Consiliare ‘Progetto Comune’ continuiamo il nostro lavoro, secondo le nostre competenze, determinate a seguito dal voto dei cittadini. Lo facciamo con responsabilità e determinazione. Non abbiamo responsabilità esecutive e gestionali, abbiamo funzioni consiliari di minoranza”. Inizia così la riflessione di Nicola Isetta, Matteo Aliprandi, Nadia Ottonello e Americo Di Giovanni sul bilancio consuntivo del Comune di Quiliano.

“In collaborazione con il nostro ‘Gruppo Allargato’ abbiamo analizzato il rendiconto presentato, cercando di mantenere memoria e coerenza con quanto già valutato sul Bilancio Previsionale, il DUP e l’assestamento del bilancio 2017. Consapevoli del fatto che questo Consuntivo 2017 si colloca ormai ad un anno dalla fine dell’attuale mandato e ciclo amministrativo. Riteniamo che siamo ormai entrati nella fase di analisi dei risultati raggiunti. Una particolarità che ci ha incuriosito è un avanzo di amministrazione ulteriormente aumentato. L’avanzo è un risparmio pubblico, cioè un’eccedenza di entrate non utilizzate durante l’anno. Un forte avanzo connesso ad alte aliquote o tariffe di tributi e servizi comunali può essere anche un sintomo di inadeguata programmazione finanziaria, cioè un eccesso di pressione tributaria e tariffaria rispetto ai bisogni reali per finanziare i servizi comunali” dicono da “Progetto Comune”.

“Premesso questo, dai dati del Bilancio Consuntivo si evidenzia che le Entrate di parte corrente sono di € 8.158.045 mentre l’avanzo d’amministrazione 2017 è di euro 2.549.202 pari al 31,24, di cui €. 1.216.454 pari al 14,91 % quale avanzo disponibile. Evidenziamo come i dati della pressione entrate pro capite e pressione tributaria pro capite siano notevolmente aumentate in questi ultimi anni. In un contesto dove in questi anni ci è sempre stato detto che non vi erano di risorse disponibili, ci siamo posti la domanda: se questo avanzo è frutto di un obiettivo cosciente dell’Amministrazione Comunale, in modo da spostare le risorse verso il fine mandato, oppure se questa situazione finanziaria è casuale e subita, o meglio, se la produzione di avanzi elevata, si è prodotta senza averlo stabilito? Tenuto conto del quadro complessivo, dei risultati di esercizio che ci è stato presentato e della situazione socio economica in cui versano le famiglie, riconfermiamo, quanto abbiamo già detto in sede di previsionale, cioè l’opportunità di prevedere scelte strategiche diverse a partire dalle modalità di applicazione dell’IRPEF.
Riconfermiamo quanto abbiamo già espresso in sede di previsionale in merito al recupero della progressività di imposizione, come chiederebbe la nostra Costituzione. Perché non applicare una tassazione più equa se ci sono le condizioni per farlo?” dicono i consiglieri di minoranza.

“Permangono opere finanziate da tempo e non ancora realizzate e la significativa mancata realizzazione di nuove opere pubbliche e strutturali. Tra cui, in questa occasione, evidenziamo: campetto sportivo “Briano”, ormai chiuso all’utilizzo da 5 anni; anche in tutto il 2017, abbiamo riscontrato pesanti anomalie sulla gestione degli impianti dell’illuminazione pubblica. Continui sono i disservizi con tempi lunghi e diversi di riattivazione degli impianti spenti. Con consumi energetici e costi elevati; confermiamo la nostra preoccupazione in merito alla situazione delle opere di mitigazione del rischio idraulico; in merito alla viabilità di Valleggia per noi era prioritario investire risorse e attività amministrativa per realizzare: la viabilità della zona Casette, ricordiamo che sono passati già 9 anni dalla disponibilità delle risorse finanziarie. Nulla di fatto per la realizzazione della nuova viabilità di Via Vietta che avrebbe dovuto collegare la Piazza della Chiesa di Valleggia alla viabilità lato Autostrada A10 verso Tiassano, il Consiglio Comunale nel 2013 aveva demandato la competenza realizzativa alla Giunta Comunale. Rimandata ulteriormente la nuova viabilità di collegamento tra Tiassano e Piazza della Chiesa” aggiungono da Progetto Comune.

“Altresì evidenziamo che: nel 2017 In merito al nuovo Regolamento Edilizio, abbiamo rilevato la mancanza di scelte di indirizzo complessivo e significativo, di nuova prospettiva per il nostro territorio. Mancanza che abbiamo trovato in forme diverse e condizioni diverse nella variante del PUC; nel settore sociale rileviamo la mancanza di programmazione strategica d’Ambito. Conseguentemente evidenziamo valutazioni diverse sul metodo della gestione programmatoria e sul giudizio dei risultati raggiunti dall’Amministrazione Comunale. Restiamo fermamente convinti che questo territorio abbia bisogno di essere pensato e immaginato in termini concreti e sostanziali con un proprio modello economico, produttivo e sociale riadeguato al nuovo contesto socio – storico – economico. E che si possano attuare proposte di governo locale e azioni amministrative più efficaci e incisive. Il nostro voto al Consuntivo 2017, come si può dedurre da quanto espresso, è stato un voto di contrarietà” concludono i componenti del Gruppo Consiliare “Progetto Comune” Nicola Isetta, Matteo Aliprandi, Nadia Ottonello e Americo Di Giovanni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.