IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Istruzione, stabiliti i criteri per l’assegnazione delle borse di studio: alla Liguria 705 mila euro dal ministero

Vaccarezza: "Lo studio è un diritto e deve essere garantito e reso possibile concretamente a tutti gli studenti"

Più informazioni su

Regione. E’ pari a circa 705 mila euro la quota spettante alla Regione Liguria del fondo per le borse di studio a favore degli studenti iscritti agli istituti della scuola secondaria di secondo grado del sistema nazionale di istruzione. A stabilirlo il decreto numero 967 del 13 dicembre 2017 del ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, con cui vengono anche stabiilti i criteri e le modalità di erogazione dei contributi.

Le borse di studio verranno utilizzate per l’acquisto di libri di testo, soluzioni per la mobilità e il trasporto e per l’accesso ai beni e servizi di natura culturale. Alla Regione Liguria sono stati assegnati esattamente 704.954,72 euro, che saranno ripartiti nella misura minima di 200 euro per ciascun studente inserito nella graduatoria regionale. Il limite massimo Iseee per accedere alla borsa di studio non dovrà superare i 15.748,70 euro.

“Il diritto allo studio è uno dei diritti fondamentali e alienabili della persona, sancito anche dalla dichiarazione fondamentale dei diritti umani dell’Onu e dalla nostra Costituzione – commenta Angelo Vaccarezza, presidente del gruppo consiliare di Forza Italia Regione Liguria – e deve essere garantito e reso possibile concretamente a tutti gli studenti, in particolare a coloro i quali purtroppo non hanno sufficienti mezzi economici. Il nostro futuro passa anche da qui, dalla possibilità data ad ogni giovane di studiare e diventare un adulto consapevole e preparato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.