IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Caso Benveduti, Lunardon (Pd): “Toti riferisca su possibile incompatibilità”

L'esponente Dem chiede chiarezza: "Giusto far rispettar le norme"

Più informazioni su

Liguria. “Sulle notizie emerse in relazione al coinvolgimento del neo assessore alle attività produttive Andrea Benveduti in un processo presso la Procura di Milano, siamo per riaffermare la nostra posizione garantista che parte dal presupposto che si è innocenti fino all’ultimo grado di giudizio, ma anche per chiedere chiarezza e trasparenza. Benveduti o Toti, che lo ha nominato, riferiscano nelle sedi istituzionali su quanto sta accadendo. Speravamo che ciò avvenisse, ma fino a oggi abbiamo aspettato invano. Ci sembra un atto dovuto nei confronti del Consiglio e di tutti i cittadini liguri, che hanno il dovere di sapere cosa sta succedendo”. Lo afferma in una nota il capogruppo Pd in Consiglio regionale Giovanni Lunardon, sul caso giudiziario del neo assessore regionale che ha preso il posto di Edoardo Rixi.

“Annunciamo inoltre che abbiamo depositato una lettera presso gli uffici regionali per verificare se sussistano o meno i presupposti di incompatibilità tra il nuovo ruolo di assessore e il mantenimento della sua funzione nell’azienda in cui ha operato e opera da dirigente. Pensiamo sia giusto fondare ogni valutazione su questo punto sulla base del parere di chi nell’Ente ha il compito di garantire il rispetto delle norme” aggiunge ancora l’esponente Dem.

“Esiste poi un ulteriore problema, questo tutto politico e di opportunità, sul fatto che chi esercita le funzioni di assessore alle Attività produttive sia sufficientemente terzo nelle scelte che l’amministrazione dovrà compiere, per esempio, in tema di energia. Com’è noto stiamo parlando di svariati milioni di euro che dovranno passare nei prossimi anni dai bandi promossi dall’amministrazione regionale o da sue articolazioni. Vorremmo sapere dal nuovo assessore come pensa di garantire terzietà e imparzialità nell’erogazione di questi contributi. Anche questo è un tema di trasparenza che non può essere ignorato o superato con una semplice alzata di spalle” conclude Lunardon.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.