IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, FI e Lega: “Partite Iva non ricevono il ritiro dei rifiuti, mandate diffida a Sat”

"Molti di loro pagano circa 4000 euro di Tari per un mancato servizio di raccolta comunale - dicono le segreterie - e poi debbono rivolgersi a ditte esterne"

Più informazioni su

Albenga. “Siamo stati contattati da alcuni contribuenti titolari di Partita Iva i quali lamentano che, nonostante l’accertamento massivo subito per volontà del Partito democratico e nonostante il pagamento della tassa rifiuti effettuato, non ricevono, ad oggi, ancora il servizio di ritiro di materiali assimilati ed assimilabili al rifiuto urbano, a norma del nostro regolamento comunale. Molti di loro pagano circa 4000 euro di Tari 2018 per un mancato servizio di raccolta comunale e poi debbono rivolgersi a ditte esterne per conferire il rifiuto a colpi di 6-7 mila euro all’anno”. Lo sostengono le segreterie ingaune di Forza Italia e Lega.

“Sono le stesse partite iva – spiegano – che hanno subito l’illegittimo accertamento massivo della Tari voluto da questa amministrazione per gli anni 2011/2016; sono le stesse partite iva che in questi giorni stanno ricevendo il conguaglio per l’anno 2017 in contemporanea con l’avviso di pagamento 2018, aggiornati alle misurazioni rilevate dalla Soget per conto del Comune di Albenga; sono le stesse partite iva che con rigore sono obbligate a pagare la tassa rifiuti a fronte di un mancato servizio. Un’altra vergogna di questa amministrazione che ha proceduto con il colpire ingiustamente le partite iva con sanzioni al 750% e che da diversi mesi ha stipulato il contratto con Sat senza preoccuparsi di garantire almeno il ritiro dei predetti materiali”.

“Stupisce ancor più – proseguono – che, a fronte di questo disservizio, nell’avviso di pagamento non sia contenuto il riferimento alla norma (art. 14 del regolamento Tari) che dà diritto, previa diffida scritta, alla riduzione della Tassa Rifiuti al 20%, qualora il servizio non venga erogato. Invitiamo pertanto tutte le partite iva di Albenga ad attivarsi per comunicare, mediante lettera di diffida indirizzata a Sat, all’ufficio ambiente ed all’Ufficio tributi, mediante pec o raccomandata con ricevuta di ritorno, affinché l’azienda, entro e non oltre 5 giorni dalla comunicazione, concordi con l’impresa Sat tempi e modalità di ritiro. In mancanza di riscontro, invitiamo ad avvalersi del diritto alla riduzione della tassa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.