IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, nasce un nuovo albergo a tre stelle: ecco l’Hotel San Francesco

La struttura ricettiva troverà spazio all'interno dell'immobile di proprietà dell’istituto suore francescane missionarie d’Egitto

Più informazioni su

Alassio. Si chiamerà “Hotel San Francesco” il nuovo albergo a tre stelle che sorgerà ad Alassio. La struttura ricettiva troverà spazio all’interno dell’immobile di proprietà dell’istituto suore francescane missionarie d’Egitto, immediatamente dietro la stazione di Alassio all’inizio di via Adelasia. Il progetto è stato realizzato “a due mani” degli architetti Giuseppe Amatilli di Roma e Marco Melgrati di Alassio.

“Si tratta di un fatto importante – spiega Melgrati – In un momento di contrazione dei posti letto dovuto alla chiusura negli anni di molte strutture ricettive, è il segno di una inversione di tendenza. Sono previste 44 camere e 12 unità di Rta (residence), per un totale di 56 camere. L’albergo sarà una struttura ricettiva di tipo sociale che intercetterà un flusso turistico di nicchia, quello legato alle parrocchie, agli istituti religiosi, sulla scorta di altre realtà già esistenti ad Alassio. Sarà comunque aperto a tutti i turisti, ma in un ambiente ‘protetto’. Infatti saranno proprio le suore francescane missionarie d’Egitto che gestiranno la struttura, avvalendosi di personale esterno per i servizi. Questo vuol dire indotto, lavoro e nuove assunzioni in ambito alberghiero. Per me è un piacere particolare il ritorno delle suore francescane missionarie d’Egitto ad Alassio ed ha anche un valore sentimentale: infatti nella vecchia scuola ho fatto le elementari con suor Savina, una educatrice eccezionale”.

L’albergo sarà dotato di un ampio parco-giardino, che verrà ristrutturato e ampliato, con il mantenimento di tutte le essenze esistenti (palme), situato sopra il parcheggio pluripiano esistente. Sarà riaperta al culto la chiesetta esistente.

“E’ un intervento a impatto zero perché utilizza tutti i volumi già esistenti, che non verranno incrementati nemmeno di un metro quadrato”, aggiunge Melgrati.

I lavori sono stati già appaltati e inizieranno a breve; l’apertura della struttura è prevista per la primavera-estate del 2020.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.