IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio 2018, Melgrati sullo stadio Ferrando: “Con me opere per 21 mln, con Canepa debito di 2,9 mln”

Le precisazioni del candidato sindaco alassino sulla vicenda dell'impianto sportivo alassino

Alassio. Operazione verità sulla vicenda del nuovo Campo Sportivo Ferrando di Alassio da parte del candidato sindaco alassino Marco Melgrati: “Mi preme chiarire che, nel minestrone di opinioni sullo stadio di calcio cittadino, si è persa di vista la verità, nei fatti annacquata dalle opinioni degli altri candidati il cui unico obiettivo (anziché parlare delle loro ricette per il futuro di Alassio) è cercare (invano) di demonizzare la mia persona e il mio operato”.

“Il cattocomunista leader di una lista di sinistra infarcita di personaggi rancorosi Parascosso, cittadino e candidato, proseguendo la metafora, sarebbe un erede indegno del patrimonio in attivo lasciato da Marco Melgrati. Parascosso che parla senza aver letto la sentenza che inchioda la giunta Canepa alle sue responsabilità e definisce con chiarezza i tempi delle contestazioni escludendomi totalmente dalle responsabilità… Da un avvocato ci saremmo aspettati maggior equilibrio e competenza, non il livore tipico di certi esponenti della sua lista di sinistra…” aggiunge Melgrati.

“Per proseguire ancora la metafora, l’eredità lasciata dal buon padre di famiglia Marco Melgrati è un attivo, con la realizzazione del campo sportivo e un cantiere con opere eseguite per 21 milioni di euro. E sono stati realizzati, oltre al campo sportivo con le tribune, in proprietà del Comune, e in concessione di diritto di superficie a termine, 380 tra box e posti auto a prezzo convenzionato con prelazione per i residenti e 171 posti auto pubblici a rotazione, che servono sia per le manifestazioni del palazzetto che per quelle del campo sportivo, e non solo”.

Il candidato sindaco rincara. “L’eredità lasciata dalla matrigna amministrazione canepa è, invece, un bel passivo di 2,9 milioni di euro oltre oneri come da sentenza di condanna. Questa somma è relativa ad opere resesi necessarie a seguito di varianti in corso d’opera che sono state eseguite dalla ditta, e non pagate dall’amministrazione Canepa. Quindi, per inciso, non sono state liquidate dall’attuale amministrazione uscente e questo non è imputabile ad altri che non all’amministrazione uscente stessa”.

“Ciò detto evidentemente tutti glia altri candidati sindaco mancano di altre argomentazioni. Cosa confermata anche nel dibattito pubblico dove la Lista Civica Melgrati Sindaco da me rappresentata è stata l’unica a proporre ai cittadini soluzioni concrete sia per il centro salute che per la pulizia e lo sviluppo turistico sia per i parcheggi e il depuratore e molto altro. Tutte necessità non ulteriormente rinviabili” conclude Melgrati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.