IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Al via l’evento “Cantare e portare la Croce” promosso dal Priorato diocesano e dalla diocesi di Savona-Noli

Edizione 2018 (la nona) da record per la manifestazione, con 13 cori cantati da ben quattro diocesi

Savona. Tredici cori (due cantano assieme) con un nuovo record che supera quello dello scorso anno. E un territorio sempre più vasto: oltre 90 chilometri di costa fra Genova e Albenga (provenienze più lontane dei gruppi presenti) dando ormai “voce” a un’ampia fetta di Liguria che comprende ben quattro diverse diocesi (Savona-Noli, Albenga-Imperia, Acqui e Genova).

Numeri importanti e ancora in crescita per la nona edizione di “Cantare e portare la Croce”, iniziativa promossa dal Priorato diocesano delle confraternite di Savona-Noli, assieme alla stessa diocesi e al coordinamento delle corali, che vanta, quest’anno, il patrocinio della Provincia di Savona e dei Comuni di Finale Ligure, Quiliano, Varazze e Vado Ligure.

“Dal 2010, – hanno fatto sapere gli organizzatori della rassegna, – maggio è il mese in cui i cori animano con la musica sacra gli splendidi oratori del nostro territorio. Le sedi toccate dagli esordi della manifestazione sono ormai tantissime: col programma di questa edizione si raggiunge addirittura quota 40 location. Un evento sempre più apprezzato dal pubblico (oratori gremiti, frequenti e necessari “traslochi” nelle vicine chiese parrocchiali), ma anche dai cori e dalle singole confraternite che aderiscono con sempre maggiore entusiasmo all’iniziativa”.

La rassegna prenderà il via venerdì, alle 21, nell’oratorio di sant’Antonio Abate a Varigotti con la Corale Polifonica Cellese, il Collegium Sancti Sebastiani Gameraniensis e le Voci bianche di Valleggia. Venerdì 11 maggio, a Roviasca (Quiliano) nell’oratorio di San Bonaventura canteranno: Corale Guido d’Arezzo di Carcare, Coro San Pietro di Savona e Coro Polifonico di Valleggia. Venerdì 18 si andrà a Varazze nella chiesa di san Donato con il “Bruckner” di Savona, il “San Biagio” di Finalborgo e la corale “Santa Maria” di Cogoleto. Venerdì 26 si tornerà nel finalese al Monticello: ospiti della confraternita Invenzione della Croce e Annunziata i cori “Ino Minì” di Arenzano e “Giuseppe Manzino” di Savona, il “Monteverdi” di Genova, e la schola “Don Primo Volpe” di Albenga.

Evento straordinario sarà poi la messa di domenica 3 giugno, alle, 11 a Vado, promossa dall’Istituto diocesano di musica sacra, con i cori diocesani invitati a cantare ricordando il maestro don Renzo Tassinari nel 100esimo anniversario della nascita e 40esimo della scomparsa.

“L’annuale rassegna, dal titolo davvero azzeccato, che coinvolge cori e confraternite è testimonianza di quanto, nella nostra Diocesi di Savona-Noli, abbia spazio una modalità semplice e lieta di esprimere e vivere la propria fede, – ha affermato il vescovo Calogero Marino. – Questo è bello e ci ricorda che l’esperienza cristiana non è individualistica o elitaria, ma davvero aperta e ‘di popolo’ come spesso ci ricorda il Papa”.

“I numeri di questa nona edizione sono davvero incredibili, ma sarebbero solo cifre se non rappresentassero tante voci e tante anime, unite dalla musica, dell’amicizia e dal desiderio di lodare Dio: tutte in cammino non con la stupida ambizione di arrivare primi, ma con la certezza di andare sempre più avanti – ha spiegato Marco Gervino, direttore artistico e curatore dell’iniziativa. – Tutto ciò senza ovviamente perdere di vista la qualità e la voglia di migliorarsi, sempre! Questo entusiasmo, assieme a quello del pubblico che partecipa numeroso, ci spinge a proseguire l’iniziativa che dal 2010 abbraccia cori e confraternite”.

“La bellezza che risplende nei nostri oratori, lo spirito di fraterna accoglienza e l’armonia dei cori faranno corona a questa iniziativa che, proposta nove anni fa, forse con qualche timore, ha raccolto via via un successo sempre maggiore”, ha aggiunto Milly Venturino, priore diocesano delle Confraternite di Savona-Noli .

Un ricordo, infine, per Gianni Genta, cantore e confratello, e Giovanni Priano, priore diocesano delle confraternite e medico, prematuramente scomparsi negli anni scorsi. A entrambi sarà dedicata l’intera manifestazione. Di seguito, il programma completo dell’evento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.