IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power a processo, Medicina Democratica: “Comuni, Provincia, Regione e Asl si costituiscano parte civile”

"Le amministrazioni sono quelle che dovranno sostenere economicamente i costi del disastro, chiedano di essere risarcite dai responsabili"

Savona. “Noi non siamo forcaioli, ci attendiamo un procedimento che metta a nudo le vere responsabilità. Se alla fine saranno giudicati tutti colpevoli o soltanto qualcuno non è un nostro problema: l’importante è che si approfondisca l’argomento e che ci sia la possibilità di discuterlo in un’aula di tribunale”. E’ il commento di Maurizio Loschi, esponente dell’associazione Medicina Democratica, una delle parti civili nell’imminente processo ai dirigenti di Tirreno Power per disastro ambientale e sanitario colposo.

Bruco, il degrado del fratello minore

Un processo al quale potrebbero unirsi come parti civili anche nuovi soggetti finora non coinvolti: “Credo sia possibile – conferma Loschi – non c’è solo il rinvio di oggi ma anche altre novità che non sono state tenute in conto nel giudizio odierno, come ad esempio lo studio del Cnr che non è ancora ufficiale perché non è stato consegnato alle parti. Uno studio che dimostra come c’è stato un coinvolgimento della popolazione enorme, per cui andranno affrontati anche i costi sanitari. E non capiamo perchè tutti coloro che poi dovranno spendere denaro pubblico non dovrebbero preoccuparsi di recuperare quello che dovranno sborsare da coloro che hanno causato il disastro”.

“Se questo non dovesse avvenire sarebbe inspiegabile – sostiene Loschi – tutti i rappresentanti delle popolazioni esposte sono anche coloro che poi dovranno intervenire economicamente per curare le persone ammalatesi per colpa di questa esposizione. I Comuni nei dintorni della centrale, la Provincia, la Regione o l’Asl… non si capisce perchè non debbano intervenire nel procedimento e chiedere di essere risarciti per quello che hanno dovuto o dovranno spendere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.