IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Successo per l’AperiAdso organizzato dal Leo Club di Albenga foto

Coi duemila euro raccolti i ragazzi di Adso potranno partecipare alle Special Olympics che si terranno a Montecatini dal 4 al 10 giugno

Più informazioni su

Albenga. Nonostante la pioggia, sabato 31 marzo i ragazzi del Leo Club di Albenga hanno organizzato in piazza San Michele un aperitivo di beneficenza per raccogliere fondi da destinare ad Adso ed ai suoi ragazzi, per permettere a quest’ultimi di poter partecipare alle Special Olympics che si terranno a Montecatini dal 4 al 10 giugno.

Leo Club Albenga - AperiADSO

“L’affluenza è stata più che sorprendente – spiegano dal Club – soprattutto tra i ragazzi di Albenga, a voler quasi sottolineare come il progetto Adso stia a cuore alla cittadinanza più giovane della città delle Torri e il grande spirito collaborativo che ha reso AperiAdso un successo sia a livello organizzativo che a livello di numeri”.

Il presidente del Leo Club Albenga Simone Breeuwer aggiunge: “Voglio ringraziare innanzitutto i ragazzi del Leo Club Albenga che hanno contribuito all’organizzazione dell’evento con così tanto entusiasmo e la famiglia Basso per averci concesso i locali presso cui organizzare l’aperitivo, ma i nostri ringraziamenti vanno anche a tutte le attività commerciali che ci hanno aiutato donando cibo e bevande per la causa, da Noberasco a Peirano Bibite passando per Fitimex, senza dimenticarsi di tutte le piccole realtà del centro storico ingauno che non si sono tirate indietro come La Taberna del Foro, il ristorante San Teodoro, l’Archetto, il Candidato, Zio Pagnotta, Fa Fumme ma anche realtà non ingaune come Cacciamani di Alassio”.

Aggiunge il presidente Leo: “A livello di numeri siamo riusciti a raccogliere all’incirca duemila euro che verranno interamente donati ad Adso e per questo io e il Leo Club Albenga teniamo tantissimo a ringraziare tutti coloro che hanno partecipato all’AperiAdso sperando che oltre alla beneficenza sia stato un evento divertente e che abbia unito la comunità giovanile ingauna per permettere a questi ragazzi di togliersi altre grandi soddisfazione come in passato alle Special Olympics”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.