IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, divertimento come professione: ecco il corso per diventare un perfetto dj fotogallery

l corso, sostenuto da finanziamenti regionali nell'ambito del Fondo Sociale Europeo 2014-2020, è rivolto a 32 persone disoccupate

Savona. Divertirsi lavorando: è l’allettante biglietto da visita che accompagna il lancio del corso di formazione per dj organizzato da Cescot Liguria, Unione Provinciale Albergatori di Savona e Mivida Srl e presentato questa mattina nella Sala Bianca dell’Unione Industriali di Savona.

A Savona il corso da Dj

Il corso, sostenuto da finanziamenti regionali nell’ambito del Fondo Sociale Europeo 2014-2020, è rivolto a 32 persone disoccupate o in stato di “non occupazione”, con una riserva di posti (il 40 per cento) per le donne, salvo che gli esiti delle prove di selezione non consentano di raggiungere questa percentuale. Le iscrizioni sono aperte sino prossimo 27 aprile.

I requisiti richiesti sono ilpossesso di qualifica triennale, diploma di scuola secondaria superiore o titolo equivalente legalmente riconosciuto e una buona conoscenza della lingua italiana. Al termine del percorso del percorso l’allievo avrà conseguito competenze che gli consentiranno di condurre trasmissioni radiofoniche musicali, condurre un dj set, realizzare compilation musicali. Ma soprattutto acquisirà la capacità di promuovere se stesso come professionista del settore, saper usare strumenti social specifici, sapersi promuovere presso tutti i soggetti potenzialmente interessati alla propria attività, comprese quindi conoscenze di marketing e di business che gli consentano di sviluppare le potenzialità che sarà in grado di esprimere.

L’iniziativa è stata illustrata dal presidente dell’Unione Albergatori Angelo Berlangieri, dal direttore di Cescot Confesercenti Massimo Vergassola e dall’imprenditore balneare Giacomo Canale, titolare dei Golden Beach di Albissola Marina e organizzatore di eventi.

“E’ un progetto legato ad un aspetto fondamentale della nostra offerta turistica, anche se di solito se ne parla poco: il divertimento – ha spiegato Angelo Berlangieri – Il nostro territorio è una destinazione che non è in grado di ospitare solo turisti che amano il mare o le attività outdoor o la cultura e la gastronomia, ma anche persone che hanno voglia di divertirsi. Quindi anche i giovani. La rete di intrattenimento della nostra provincia è assolutamente ben strutturata che non teme confronti con nessuno. Tant’è che le prime disco-beach italiane sono nate proprio in questa provincia. Da qui è nata l’idea di strutturare meglio questa offerta partendo dal punto fondamentale di qualificare le professionalità. Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di partecipare a questo bando per dare qualifica professionale ai dj. E’ vero che questa professione dipende molto dalle capacità personali e di relazione, ma necessita anche di conoscenze. Non ci si può improvvisare. Tant’è che ci sono dj che hanno una verve minore ma riempiono le sale perché sono capaci di fare il loro mestiere e altri che invece hanno qualche difficoltà”.

Per il presidente di Upa, questo corso rappresenta “un’opportunità per tutti i giovani di potersi approcciare a questo mercato, per avere una qualifica professionale da spendere non solo in provincia di Savona ma in tutta Italia, per una professione nuova ma che ha grande futuro e successo”.

Massimo Vergassola ha precisato: “Il corso consiste in una fase di laboratorio in cui i ragazzi avranno la possibilità di sperimentare e di apprendere le tecniche proprie dei dj. Quello che di solito si vede appare come qualcosa di ‘naturale’ ma dietro c’è un lavoro di preparazione. Per essere bravo il dj deve avere delle capacità e delle conoscenze e noi durante il corso svilupperemo tutti questi aspetti. Sarò un’attività formativa, ma per lo più di laboratorio. Perciò dovranno provare molto. Riceveranno degli input ma poi dovranno mettersi all’opera. L’aula simulerà la zona in cui operano di solito i dj”.

Il corso consisterà in “oltre 300 ore di laboratorio (sei ore al giorno per due mesi e mezzo) a cui seguirà poi uno stage in azienda (nel periodo estivo) di quasi 150 ore nelle quali potranno sperimentare cosa significhi fare effettivamente il dj. La speranza è che per qualcuno di loro questo si trasformi in un’opportunità di lavoro non solo stagionale. Questo corso si colloca in un bando di Regione Liguria a finanziamento pubblico e senza costi per i partecipanti”.

Giacomo Canale si dice “orgoglioso di essere parte integrante di questo importante progetto. Io rappresento Golden Beach, che è stato il primo disco-beach a nascere in Italia nel 1997. Ma Golden Beach ha ospitato, nelle sue serate del venerdì e del sabato sera, dj che oggi sono personaggi di livello internazionale. Tra loro Cristian Marchi, Stefano Pain, Sergio Mauri. Tutti personaggi che anni fa magari erano un po’ ‘anonimi’ e ora sono ovunque, sia sul web che nei canali d’informazione musicali. Ritengo che questo corso sia una grande opportunità: consentirà ai partecipanti di imparare a fare questo mestiere importante e permetterà, speriamo, di scoprire nuovi talenti”.

Al progetto partecipano locali come Estoril, Makò, Golden Beach, Soleluna, Kava, Marea, La Suerte, Le Rocce di Pinamare, Il Covo, Luna Rossa, Le Vele, Essaouira e manifestazioni come Eretique e Music Parade. Al corso parteciperanno, in qualità di docenti, i dj Nick Gervasi e Andrea Poggio.

Per accedere al corso occorre presentare domanda di iscrizione, entro le 12.30 del 27 aprile, esclusivamente a mano presso il Cescot di via Balbi 38 a Genova oppure presso il Cescot di via Paleocapa 3 a Savona. Insieme alla domanda è necessario presentare: carta d’identità, codice fiscale e, se cittadino extracomunitario, permesso di soggiorno; curriculum datato e firmato; fototessera; marca da bollo da 16 euro. Previste esame di selezione (prova scritta e colloquio) per individuare i 32 giovani e adulti ammessi al corso.

Il piano di studi prevede 480 ore di lezione, di cui 144 in stage. I corsi saranno tenuti da Cescot sia presso la sede di Genova (16 allievi) sia di Savona (16 allievi). Dal 7 maggio al 7 luglio si terrà la formazione teorico/pratica in aula, mentre dal 9 luglio al 28 settembre si terranno lo stage e gli esami finali. Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi a Cescot Genova al numero 010251551 o visitando il sito www.cescot-ge.it; oppure a Cescot Savona al numero 0198401492 e all’indirizzo www.cescotsavona.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.